Eric Hänni, 80 anni, pratica ancora judo e ama la musica
Immagini articolo
"L'unica cintura rossa
...che ballava il rock"
CLEMENTE MAZZETTA


Piccolo, appena 1,65 centimetri, ma energico e uno sguardo ardito. Eric Hänni, prima medaglia d’argento svizzera di judo, è sempre lo stesso. Porta gli stessi baffi di quando aveva vent’anni. Ora sono bianchi ma a 80 anni ci può stare. L’uomo sembra fatto di caucciù, tanta è l’agilità con cui si muove sul tatami, il tipico tappeto dello judoka. Si allena ancora. Ma non allo stremo, come quando era giovane, quando si faceva 30 chilometri in bici per prepararsi alle olimpiadi: "Andavo allora da un allenatore molto bravo, ma molto severo: per spronarci ci fustigava con una canna di bambu. E per tre anni mi sono allenato tutti i giorni. Miravo alle olimpiadi".
L’allenamento di oggi è decisamente meno intenso. Sul tatami sale solo una volta la settimana, con gli amici. Tutti con i capelli grigi, quelli che ancora ce li hanno. Poi, dopo l’allenamento, dalla palestra vanno al tavolo del ristorante. Eric abita in un paesino sul lago di Neuchâtel. A Portalbal. Ma 65 anni fa, quando aveva 15 anni già lavorava come apprendista meccanico a Delémont. "Volevo fare il giardiniere ma mio padre insistette: meccanico".
Per lui lo judo, letteralmente la "via della gentilezza", è stata la strada che gli ha cambiato la vita. La medaglia conquistata 55 anni fa, alle olimpiadi di Tokyo del 1964, gli ha permesso di cambiare la tuta blu, di operaio, con il kimono, l’abito ufficiale giapponese che indossano gli atleti. Che lui cinge con una cintura rossa: perché è l’unico svizzero ad aver ricevuto per meriti sportivi il nono Dan. "Per me è stato un onore, un grande riconoscimento per la mia attività sportiva, per i 55 anni che ho dedicato allo judo", dice. Ogni Dan segnala diversi livelli di padronanza o esperienza. Siamo ai massimi livelli della disciplina che Hänni ha iniziato da giovane, rubando il tempo al tornio dell’officina. Dove - non lo dimentica - ha vissuto una storia di eccezionale solidarietà. Di forte suggestione le immagini in bianco e nero di un filmato girato nel ’64 dalla tv svizzera (notreistoire.ch). Hänni attorniato dai compagni di lavoro che apre un pacco con dentro un pacco, con dentro un pacco... Alla fine una piccola scatola. "Erano 4-5mila franchi!" e ancora si commuove. Quei soldi gli sarebbero serviti per la sua famiglia perché quando fu selezionato per le olimpiadi il responsabile dell’officina gli disse che non avrebbero potuto pagarlo per il periodo delle sue assenze. E senza paga, sposato, con un figlio piccolo...
"Sono stato così in grado di andare a Tokyo. Per questo dico che quella vinta alle olimpiadi è stata la prima medaglia dei giurassiani. Quando ritornai a casa, arrivando in treno a Delémont, fui accolto da più di 22mila persone. È stato qualcosa di indescrivibile. Emozionante".
Pochi giorni dopo Hänni era già al lavoro. E ancora traffica col tornio. Ha appena aiutato un vicino a sistemare il trattore. "Ma quella medaglia d’argento vinta in Giappone, sorprendendo tutti, mi ha cambiato la vita". Dapprima girò la Svizzera per propagandare lo judo. Tutti lo volevano vedere. Parlargli. Sentirlo. Fu assunto come insegnante da una scuola di judo a Zurigo. Quindi aprì, nel 1972, una sua scuola di Judo a Berna che in pochi anni raggiunse i mille iscritti. Non mancarono i problemi ovviamente: tutti superati, grazie allo judo. Che è più di uno sport. "È una grande scuola di vita", dice Hänni. Dove bisogna sempre rialzarsi. Ma forse non tutti sanno che prima delle olimpiadi, quando aveva 22 anni, vinse il titolo di campione svizzero del rock’n’roll. "Andavo con un paio di ragazze alle feste dei vari paesi. Ballavamo ovunque. Partecipammo anche al campionato svizzero". Una sola volta. Poi lo travolse la passione per il judo.
cmazzetta@caffe.ch
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00