function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il piccolo schermo è diventato una presenza costante
Immagini articolo
La Tv s'è trasformata
in una buona maestra
MARINA CAPPA


Ci sono quelli che per disegnare il male raffigurano un drago con la mascherina, armato di siringa. Quelli che per settimane hanno colorato arcobaleni e scritto "Andrà tutto bene". E i più sfortunati che hanno assistito alle violenze subite da mamma (a volte da loro stessi), senza poter fuggire di casa.
Preservati in buona parte dal virus - i positivi under 20 sono 1,9% - i bambini non sono stati immuni ad altri "contagi". Se nella corsa alle donazioni molti si sono occupati di loro - dagli 800 giocattoli regalati in Italia da Discovery agli ospedali pediatrici, alle inziative per sfamarli di Terre des hommes - l’attenzione adesso si concentra sulle difficoltà psicologiche che hanno dovuto affrontare e che ancora li attendono.
Un aiuto arriva da quella che una volta era la "cattiva maestra", la televisione, e che in questi mesi è stata una presenza costante in famiglia, con programmi educativi e intrattenimento. De Agostini, editore dei canali per l’infanzia DeAKids e DeAJunior, ha commissionato la ricerca "Essere bambini ai tempi del Coronavirus", con interviste alla Generazione Alpha, i nati dopo il 2010. Cose che... nessuno ha il coraggio di dirti prima dei 10 anni, programma di DeAKids che si avvale di due psicoterapeuti, ha tenuto conto delle risposte e realizzato una puntata anche sulla morte, grande rimosso della nostra epoca con cui pure i più piccoli hanno dovuto fare i conti, dopo la scomparsa di tanti nonni. "I bambini cercano risposte, noi le diamo con personaggi che conoscono e un linguaggio comprensibile, distante da quello dei social che spesso creano confusione e sconforto", spiega il direttore dei canali Massimo Bruno.
Oltre che comprensibile, talvolta il linguaggio dei media è quasi vintage. "Piange il telefono", cantava Domenico Modugno: sostituita la cornetta con lo smartphone, ad asciugare lacrime infantili sono arrivate le Favole filosofiche o le Favole al telefono di Gianni Rodari, raccontate da attori a piccoli interlocutori. Più che "migliori", come molti avevano vaticinato, l’esperienza di questi mesi sembra aver reso nostalgici.
E questo vale anche per i figli del Duemila. Come osserva Bruno, "YouTube non ha sfondato, mentre la tv ha avuto una grande crescita: i bambini cercavano una guida e una ritualità quotidiana". La ritualità la dà il palinsesto, ma anche il dayparting, che accompagna momenti della giornata con attività diverse, dal tele-yoga del mattino alla lezione di inglese più tardi. Altrimenti, mentre le mamme e i papà si arrabattano in smart working (e ci si dovrebbe interrogare se per un bambino sia peggio che lavorino fuori durante la giornata, oppure la presenza-assenza di genitori che ci sono fisicamente ma non possono dar loro attenzione), i figli davanti alla tv perdono il senso del tempo, non sanno più che ora sia, né il giorno della settimana.
Ma adesso che i lockdown volgono a termine? Risponde Massimo Bruno: "Il desiderio più grande è stare fuori e vedere gli amici. Per questo, i nostri programmi virano su contenuti d’immaginazione e di condivisione. In questi mesi i bambini hanno usato moltissimo Zoom e WhatsApp, l’importante ora è lavorare sulla socialità". Sapendo che in un mondo in cui tutto sembra cambiato, qualcosa per il piccolo grande target è rimasto uguale: la passione (e paura) per l’ambiente.
17.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00