function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Da reclusi stiamo scoprendo nuove dimensioni di vita
Immagini articolo
Grandi pulizie, riparazioni
e per conversare ...la cucina
ROSELINA SALEMI


Di sicuro, da reclusi, ci siamo accorti dei dettagli casalinghi trascurati per mancanza di tempo: crepe sui muri, cassetti che non si chiudono, la finestra che cigola. Di sicuro, post lockdown, usciremo meno. Il rovescio della medaglia è la riscoperta delle terrazze (quando ci sono) come "palcoscenici della relazione": concerti sul tetto, scambio di cestini da un edificio all’altro, piccoli orti, allenamenti con un personal trainer che dà indicazioni dal palazzo di fronte. Chi aveva lasciato spogli i balconi adesso li arreda: Ikea propone un catalogo di sedie pieghevoli, scaffali, micro-tavoli. Un sondaggio di Nomisma, in Italia, rivela che la cucina è diventata la stanza preferita, che molti hanno scoperto la piacevole autarchia delle piccole riparazioni e affrontato coraggiosamente le Grandi Pulizie. Il rapporto con la casa è cambiato: rifugio o prigione? Si soffre di più per lo spazio ridotto al minimo. I monolocali, purtroppo, sono pensati per contenere l’essenziale e vivere fuori, senza tener conto dell’imprevisto: il virus.
Gli architetti Lucia Baima e Giovanni Comoglio sostengono che "la webcam, a suon di lezioni, meeting e conferenze stampa online ha spostato la soglia di ‘casa’, creando un nuovo confine, verticale e orizzontale, in mezzo al nostro privato: una parte dello spazio domestico è diventata spazio pubblico". Ci siamo abituati a vedere il soggiorno di medici, giornalisti, opinionisti nelle dirette tv, librerie, divani, scorci di alloggi vip. La casa allegra e multicolor di Jovanotti, la cucina di Elton John (dove c’è anche un pianoforte), il living ultramoderno di Ronaldo completo di bimbi in tutina leopardata, l’angolo della pittura di Sharon Stone, la cabina armadio di Tiziano Ferro. E a confrontarle con le nostre.
L’archistar Patricia Urquiola (vista in una seguitissima diretta Instagram con lo scrittore Gianluigi Ricuperati) cita "Viaggio intorno alla mia camera" di Xavier de Maistre,  ovvero la capacità di misurare lo spazio che ci è concesso e reiventarlo. Racconta:  "Le figlie di Silvia, mia collaboratrice, hanno avuto questa idea: vivono la casa come una città. Spostano i mobili e li dispongono adattandoli alle diverse situazioni: mangiare, chiacchierare, lavorare. Hanno trasferito dentro il "fuori", usano con fantasia quello che hanno per mantenere le loro abitudini. E’ così. Ognuno deve appropriarsi della semplicità. Io mi sono trovata smistare cose da mangiare e a giocare con gli oggetti". La casa non è più "di rappresentanza", ma vissuta, e a Patricia Urquiola non dispiace.
Poi c’è chi, come Camilla Ferrari, fotografa abituata a viaggiare per quattro-cinque mesi l’anno, ha cambiato prospettiva. Scattare in casa rappresenta per lei "la ricerca di un conforto". Osserva in modo diverso il suo appartamento: il sole che gira, la luce che alle quattro del pomeriggio crea un sorprendente arcobaleno, quel piatto che sembra un pianeta se guardato in un certo modo… E c’è chi, come Valeria Margherita Mosca, master foraging (esperta di di cibo selvatico) insegna via Instagram a raccogliere le erbe spontanee che stanno crescendo anarchiche nei giardini o nei vasi sui balconi: i germogli della comunissima parietaria vanno bene nella frittata, fiori e foglie del lamium purpureum nell’insalata. Dal terrazzo alla cucina e a tavola. In fondo non manca (quasi) niente.
17.05.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00