function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Crivelli, docente, sul censimento svizzero sulle lingue
"L'italiano può crescere
ecco cosa si può fare"
ANDREA BERTAGNI


No, i risultati sulle competenze degli svizzeri sulla seconda lingua non mi sorprendono, ecco perché come Forum per l’italiano in Svizzera ci impegniamo tutti i giorni per promuovere la nostra lingua". Così dice Tatiana Crivelli, docente di letteratura italiana all’Università di Zurigo e vicepresidente dell’associazione che cerca di diffondere l’idioma di Dante nel Paese. In Svizzera si può e si deve fare di più. Anche perché l’italiano è una lingua nazionale. Eppure sono ancora pochi quelli che la parlano.
"Il primo problema è il rilevamento dei dati - spiega Crivelli , perché il sistema svizzero della formazione è prettamente cantonale. Non a caso la raccolta di queste informazioni è la nostra priorità". Non una questione di poco conto, visto che quasi la metà dei cantoni tedeschi non offre l’italiano agli studenti dei licei che vorrebbero portarlo come materia di esame per ottenere la maturità.
"Un altro aspetto molto importante - continua Crivelli - riguarda la collaborazione con lo Stato italiano che in Svizzera offre corsi di lingua e cultura. In questo ambito stiamo lavorando per unire e non disperdere le forze così da canalizzare meglio le forze".
Anche perché dopo essere stati smantellate, queste formazioni oggi stanno tornando a essere importanti anche per l’Italia. "Che potrebbe ad esempio, concentrarsi sui corsi nelle scuole elementari - conclude Crivelli -, così da diffondere la nostra lingua anche là dove oggi ci sono ancora diversi margini di intervento".
17.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00