Volti e voci dentro il primo villaggio siriano di sole donne
Immagini articolo
Un cancello aperto
contro la violenza
LINDA DORIGO DA JINWAR, SIRIA


Dalla finestra di camera di Nujin si vedono le rondini volare basse. Nujin si sofferma a guardare il movimento nella grande cucina antistante il parcheggio. Dal davanzale raccoglie tre proiettili messi in fila a ricordarle che anche a Jinwar è passata la guerra. Nel nord-est della Siria, a pochi chilometri dal confine turco, un gruppo di donne ha dato vita al primo villaggio femminista del Medio Oriente. Nujin è una di loro. È arrivata tre anni fa dalla Germania ispirata dal movimento femminista della “gineologia”, diffusosi anche in Europa, che mette al centro la donna e la consapevolezza di genere. Tra le poche cose che si è portata c’è un diario a cui sono seguiti molti altri. China sul tavolo della stanza, scrive con ordine le sue riflessioni. Perché di lavoro si tratta: vivere a Jinwar non è una vacanza, un vezzo o un ritiro sabbatico. Per Nujin è un impegno pratico ma soprattutto di pensiero, nella convinzione che la rivoluzione, per durare, debba partire dal basso. Tra questa cinquanta case costruite con acqua, paglia e fango, vivono oggi una ventina di donne che per necessità o per convinzione hanno deciso di ricostruire a Jinwar un pezzo della loro esistenza. Una nuova casa per lasciarsi alle spalle la guerra o una missione per rivoluzionare il futuro delle donne in Medio Oriente. La base è la condivisione. Pranzi e cene comunitarie condite da cibi semplici come il pane cotto nel forno del villaggio, le zucchine coltivate nell’orto, tutte materie prime che seguono la stagionalità del raccolto. Chi cucina non lava i piatti, gli uomini sono ammessi nella misura in cui contribuiscono, lavorando, a migliorare il villaggio. Ma a nessuno è permesso di restare a dormire. A Jinwar vivono solo donne. Una scelta radicale, ispirata dalla visione della donna di Abdullah Öcalan, che nasce dalla necessità di garantire un luogo sicuro dove potersi esprimere e realizzare in piena libertà senza dipendenze e condizionamenti. Fino a poco tempo fa anche Sadiha abitava a Jinwar. Divorziata e per questo ripudiata dalla famiglia con i suoi due figli, per tre anni non ha visto il figlio più grande che il marito aveva portato con sé in Turchia. «Ho preferito dimenticare la mia vita di prima» diceva davanti allo specchio mentre dipingeva una striscia di sopracciglia. A 15 anni aveva fatto un’operazione per eliminarle definitivamente ma non aveva abbastanza soldi per tatuarle. Così ogni giorno, più volte al giorno, le rimpiazzava con una pennellata dritta e sicura. E nonostante le altre donne le dicessero che «make up non è bello» lei non ascoltava nessuna. Era il suo modo per sentirsi bella. Sadiha se ne è andata per arruolarsi nei battaglioni femminili curdi e, come lei, hanno lasciato il villaggio anche Sabah e Hanan. Madre e figlia erano arrivate da Deir ez-Zor portando con loro il frigorifero, le mucche, i piccioni e le galline. Dopo aver vissuto per quasi tre anni sotto l’Isis, volevano essere indipendenti. Un’indipendenza materiale almeno, dal momento che il dolore del passato era simboleggiato dalla foto del figlio Sultan, morto a Raqqa a 19 anni, appesa all’ingresso. La guerra ha ucciso anche il marito di Badra e quello che oggi le resta sono i loro sette figli. In ciascuno rivede l’amore della sua vita, un soldato morto sul fronte a Shaddadi. Una relazione fatta di passione e ironia: «Sono ancora magra nonostante 14 gravidanze. Se non fosse stato ucciso avremmo continuato». Gli altri sette figli sono morti di parto e degli altri sette cinque vanno a scuola». Per loro vorrebbe che trovassero la propria strada, «per me – conclude - non ho desideri. Mi basta aver conservato il cellulare di mio marito, così ogni volta che squilla è come se lui fosse ancora qui con me». In questo crocevia di arrivi e partenze, non c’è giudizio. Nessuna giudica le altre per le scelte di vita compiute. Il punto di partenza del cambiamento è l’accettazione. Il messaggio che Jinwar vuole dare alle donne del mondo è che non esiste una donna bella o brutta, giusta o sbagliata, ma solo donne consapevoli.
25.08.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00