Nella capitale britannica un grande piano di sorveglianza
Immagini articolo
Il "Grande fratello"
nelle strade di Londra
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Il "Grande Fratello" è arrivato a scrutare le strade di Londra in cerca di facce sospette. La capitale britannica si trova infatti al centro di uno dei più ambiziosi esperimenti di video-sorveglianza, reso possibile dalla più fitta rete di telecamere a circuito chiuso (cctv) del mondo e dalla nuova tecnologia detta del riconoscimento facciale, un software capace di confrontare i volti dei passanti ignari con quelli di criminali e ricercati per individuare fatidici "match" di corrispondenza. L’incubo evocato da George Orwell nel suo celebre romanzo ‘1984’ sta diventanto realtà, qui e non solo, in Cina e negli Stati Uniti, come denuncia la stampa del Regno Unito, che si concentra sul suo caso nazionale. E tutto questo non poteva che scatenare non solo un forte dibattito ma anche diventare materia legale per le aule di tribunale: in Inghilterra e Galles sono state intentate cause contro la raccolta delle immagini, e il loro trattamento tipo foto-segnaletica, da parte di privati e gruppi per la difesa della privacy che denunciano la violazione di diritti fondamentali, per di più in una democrazia.
Del resto non è stato difficile per la Met Police condurre una serie di test nella capitale. Può contare a Londra sul maggior numero di telecamere di sorveglianza per ogni mille abitanti, ben 50, seguita da Washington con poco più di 40 e Pechino con poco più di 20. In termini assoluti si contano 420 mila "occhi" puntati sui londinesi, contro i 470 mila della capitale cinese (che ha però oltre il doppio degli abitanti). E pensare che i cinesi, come gli americani, stanno anche loro massicciamente investendo su questa nuova forma di controllo. Ma nel Regno Unito non vogliono essere da meno benchè non si possano di certo ignorare le critiche come invece farebbe uno Stato autoritario.
Le sperimentazioni della polizia britannica con la "live facial recognition" hanno riguardato in particolare alcune zone di Londra e del Galles, e ci sono già stati inconvenienti, fra cui fermi e multe a chi indossava cappucci di felpe o berretti e rifiutava di sottoporsi al riconoscimento facciale. Come è accaduto a Romford, periferia nord-orientale della capitale: un uomo che si era accorto del test in corso si è coperto il volto ma è stato immediatamente avvicinato da alcuni agenti. Ne è scaturito un diverbio e il passante è stato multato con una contravvenzione di 90 sterline. Resta ancora tutto da definire il quadro legale entro il quale si svolgono queste sperimentazioni e gli esperti affermano la necessità di un consenso da parte di cittadini alle riprese dei loro volti, ancor di più quando non è stato commesso nulla di illegale. "È molto allarmante che la Gran Bretagna abbia intrapreso questa strada e creato un precedente non solo per le altre democrazie, ma anche per Stati meno liberali", ha detto Silkie Carlo, responsabile di Big Brother Watch, associazione a difesa dei diritti civili che ha avviato una azione legale contro la polizia di Londra per l’uso del riconoscimento facciale nella capitale. In proposito è intervenuta perfino una commissione parlamentare di Westminster, con la richiesta di fermare le sperimentazioni sino a quando non verrà approntata una adeguata cornice giuridica.
Intanto anche negli Stati Uniti il dibattito è sempre più acceso. Dopo San Francisco e Somerville, la terza città a decidere lo stop del riconoscimento facciale è stata Oakland, in California: ha bandito ufficialmente la tecnologia, che non potrà più essere utilizzata dalle autorità. Mentre in Cina non si fanno di questi problemi ed è ormai uno strumento di sorveglianza ampiamente diffuso e usato.
11.08.2019


Articoli Correlati

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00