Oltre 2000 clienti al giorno alla "Vegi-Metzg" di Zurigo
Piace la macelleria
che non vende carne
ANDREA STERN


Salsicce, bistecche, hamburger, spiedini, polpettoni. Alla vista il bancone della macelleria situata in St. Annagasse 18 a Zurigo farebbe la gioia di qualsiasi carnivoro. In realtà sul bancone della "Vegi-Metzg", di carne non ce n’è proprio. Aperta nel 2013, è la prima e finora unica macelleria della Svizzera che vende unicamente prodotti vegetariani. "Chi ha detto - chiede Rolf Hiltl, fondatore e titolare della macelleria, al Tages Anzeiger - che per fare una buona salsiccia bisogna per forza utilizzare animali morti? Secondo me l’importante è che sia buona". E i prodotti venduti alla "Vegi Metzg" buoni sembrano esserlo, a giudicare dal crescente successo dell’esercizio commerciale.
Una macelleria inserita in un più ampio contesto che ha origine nel lontano 1898. Allora la famiglia Hiltl aprì a Zurigo quello che secondo il Guinness dei primati è il più antico ristorante vegetariano al mondo. Generazione dopo generazione, l’attività si è espansa e oggi la Hiltl Ag conta più di 400 impiegati. "Mangiare carne non è una necessità - prosegue Hiltl -, bensì un’abitudine. È chiaro che una bisteccha sul grill può far venire l’acquolina in bocca. Ma l’essere umano può benissimo farne a meno".
Lo stesso Hiltl ammette tuttavia di non essere al cento per cento vegetariano. "Sono flexitariano - spiega -, vale a dire che mi concedo delle eccezioni. Per esempio un piatto di pesce quando vado in vacanza al mare. Diciamo che sono un vegetariano a tempo parziale". Hiltl non è un purista anche perché la sua non è un’ideologia. "È piuttosto la volontà di mangiare sano - afferma -. La carne non è il diavolo, fa parte della tradizione. Il problema è che un tempo se ne mangiava, forse, solo alla domenica. Era un bene raro e di lusso. Oggi invece se ne trova di tutti i tipi e a prezzi convenienti sui banchi dei supermercati".
Una concorrenza spietata per i prodotti vegetali. "Tuttavia ogni giorno almeno 2000 clienti scelgono di servirsi da noi - dice Hiltl -. La richiesta di alternative alla carne è in continua crescita". Anche perché queste alternative sono sempre più gustose. "Per convincere gli scettici a mangiare tofu basta non dire loro che si tratta di tofu - afferma -. Noi gestiamo anche alcuni ristoranti e da qualche tempo abbiamo smesso di chiamarli vegetariani. Ci sono clienti che cadono dalle nuvole quando si accorgono di aver mangiato vegetariano".

a.s.
14.04.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00