Una medicina personalizzata che predice le malattie
Immagini articolo
Terapie su misura
il paziente è unico
PATRIZIA GUENZI


La prospettiva del sistema sanitario è cambiata. Se prima gli esperti si concentravano sull’elaborazione di soluzioni generalizzate per la cura dei pazienti con uno stesso quadro diagnostico, tanto che se un preparato andava bene per gran parte delle persone doveva necessariamente andar bene per tutti, oggi le nuove tecniche di analisi genetica stanno facendo fare un salto di qualità alla medicina.
Una medicina sempre più personalizzata. Un approccio ad personam, grazie alla possibilità di sequenziare il Dna (la molecola che contiene tutte le informazioni genetiche di un individuo) che ha permesso la scoperta di numerosi geni portatori di diverse tipologie di patologie. Medicina predittiva, viene definita, una branca della medicina che attraverso un preciso approccio diagnostico ha la possibilità di predire il rischio di insorgenza di una patologia in un individuo sano. E proprio sulla medicina predittiva ha deciso di investire anche l’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) aprendo a inizio anno il primo Servizio di genetica medica del cantone, inserito nella struttura dell’Istituto oncologico della Svizzera Italiana (Iosi). "Molte patologie hanno una causa genetica, dall’epilessia nell’adulto alla rottura dell’aorta al tumore al seno", spiega Alessandra Ferrarini, specialista in genetica medica e pediatria, responsabile del Servizio.
In sostanza, col tempo si è arrivati a comprendere la necessità di trovare soluzioni diverse per lo stesso problema medico. Non tutti i pazienti infatti reagiscono nel medesimo modo se gli viene somministrato lo stesso farmaco. Occorre tener conto delle differenze individuali attraverso strategie di prevenzione e cure personalizzate. Ed è il compito del nuovo Servizio di genetica medica dell’Eoc: dedicarsi allo studio e alla diagnosi delle malattie con radici genetiche nei diversi ambiti della medicina, come l’oncologia, la pediatria, la ginecologia, la cardiologia, la neurologia, l’endocrinologia e la nefrologia. "Ogni branca della medicina ha i vari capitoli delle malattie, tra cui anche quello della genetica", osserva Ferrarini.
Entro il 2025, i ricercatori avranno sequenziato tra i 100 milioni e i 2 miliardi di genomi umani. Un enorme lavoro che porterà ad uno straordinario vantaggio per la salute di tutti e che cambierà per sempre la prospettiva della medicina. Se nel sistema tradizionale la cura si orienta agli interventi di crisi acuta, quando la malattia è già conclamata e spesse volte irreversibile, le nuove strategie elaborano strategie mediche e trattamenti ad hoc, su misura. Perché oggi la genetica medica non è più solo associata a popolari scoperte scientifiche o, a volte, a scenari futuristici, ma in realtà ha trovato un utilizzo più ampio. Tra le alterazioni della sequenza del codice genetico più conosciute figurano la fibrosi cistica e la sindrome di Down, la cui causa più comune è la presenza in tre copie del cromosoma 21.
È stato il Progetto Genoma Umano, primi anni Duemila, a dare l’avvio ad una nuova era per biologia e medicina, che gli esperti definiscono "post-genomica": l’integrazione di tutta una serie di informazioni genetiche e genomiche che hanno dato la svolta verso la medicina di precisione. Uno dei settori maggiormente coinvolti è l’oncologia: l’applicazione di tecnologie di biologia molecolare ha favorito notevoli progressi oltre ad una distinzione precisa e una diagnosi precoce per alcune forme di cancro.

pguenzi@caffe.ch
17.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento