Il business milionario l'oro verde che parte da Tirana
Immagini articolo
Le finte bande albanesi
che sfidano l'Europa
MATTEO BASTIANELLI DA LECCE


L’Italia è diventata un deposito per la marijuana prodotta in Albania. Ogni anno centinaia di tonnellate attraversano l’Adriatico a bordo di veloci motoscafi diretti verso le coste del Salento. Qui la droga viene raccolta e portata in vari depositi nelle campagne pugliesi, dove viene sorvegliata da uomini armati, per poi essere immessa nel mercato. Compreso quello svizzero (vedi articolo a fianco). I militari del Gruppo operativo antidroga (Goa) del Nucleo di polizia tributaria di Lecce, tentano di intercettare le partite già in mare. Ma non sempre ci riescono. E così puntano a trovare le alleanze tra la malavita albanese e la clientela italiana bloccando i corrieri che alcune volte si spingono anche oltre frontiera, in Ticino.
A raccontare la violenza dei trafficanti albanesi, è un uomo (che vuole rimanere anonimo) seduto in un bar nella parte nordoccidentale del Paese delle Aquile. È finito in carcere per omicidio negli Stati Uniti ma è stato rilasciato per mancanza di prove: il testimone oculare che lo accusava è stato trovato morto. In Albania gestisce un gruppo di gangster e muove più di 20 chili di marijuana a settimana ma è considerato un "pesce piccolo". Per quelli come lui, la situazione oggi è complicata. Il presidente albanese Edi Rama ha intenzione di traghettare il suo Paese verso l’Unione europea nei prossimi anni, quindi ha dichiarato guerra alla produzione di cannabis.
Ogni notte a Tirana le unità speciali di polizia bloccano le macchine di lusso e perquisiscono i porta bagagli. Questo è uno dei filoni delle indagini: seguire i soldi per incastrare i trafficanti di droga. L’altro fa affidamento sulla collaborazione tra il laboratorio di ricerca Benecon a Tirana, i ricercatori di un consorzio di 5 università̀ della regione Campania (responsabilè legale e scientifico è il professor Carmine Gambardella), la polizia albanese e i militari della Guardia di finanza (Gdf), che svolgono attività di telerilevamento per individuare piantagioni di cannabis sul territorio albanese. Attraverso fotocamere ad alta risoluzione installate su aerei della Gdf, i militari riescono a mappare il territorio e a individuare le piantagioni, poi la polizia albanese fa irruzione, confiscando armi e dando alle fiamme il raccolto d’erba degli agricoltori.
Nel 2014 il villaggio di Lazarat, allora noto come la capitale europea della cannabis, era stato assediato  dalle forze di polizia, che riuscirono a distruggere l’intera produzione e il traffico locale. Ora al posto dell’erba, entrando nella cittadina si scorgono incolti campi di pallone e sui muri gli insulti destinati alla polizia. Malgrado le forze messe in campo dal governo albanese con la collaborazione di Usa e Italia, i trafficanti albanesi si sono riorganizzati e hanno spostato la produzione in altre aree. Evidentemente pensano di poter ancora vincere questa guerra. Nel 2016 ci sono stati circa 1.350 arresti per droga in Albania. Ma meno di cento condanne e il trend è rimasto invariato negli anni: non è stato catturato neanche un "pesce grosso".
Klement Balili, ex direttore dei trasporti per la municipalità di Saranda, nota località turistica nel sud dell’Albania, è l’esempio più eclatante dei legami tra politica e narcotraffico. Pur essendo ricercato dalla Dea, l’agenzia antidroga statunitense e dalla polizia greca, che lo ha indicato come il potente boss di un’organizzazione che detiene il monopolio del business legato all’oro verde in Albania, il trafficante continua a sfuggire alla cattura attraverso i suoi legami in patria.
Per questo motivo gli ambasciatori di Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti sono scettici sui risultati ottenuti dalla lotta al narcotraffico in Albania, dove gli importanti boss continuano ad esseri liberi di nuotare in un mare cristallino, causando serie preoccupazioni alle autorità di diversi stati membri dell’Unione europea.
17.02.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00