Una "piattaforma" internazionale contro crimini e stragi
Immagini articolo
La sfida per prevenire
gli omicidi di massa
NENAD STOJANOVIĆ, POLITOLOGO


Tutti abbiamo davanti agli occhi le tremende, inumane atrocità che l’Uomo è stato capace di perpetrare in un passato non così lontano. Dalla Germania nazista alla Cambogia dei Khmer Rossi, dalla Bosnia al Ruanda degli anni Novanta, dalla Birmania alla Siria di oggi. Alcuni di questi crimini sono stati qualificati come genocidio (ossia quando vi è l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo etnico, nazionale o religioso). Altri sono conosciuti nel diritto internazionale come crimini di guerra, pulizia etnica, crimini contro l’umanità.
Quando leggiamo o discutiamo di questi crimini tendiamo a pensare che le violenze di tale gravità appartengano ad altri tempi, ad altri Paesi, ad altre civiltà. Noi ne saremmo immuni. La nostra mente respinge l’idea che qualcosa di simile possa colpire ciascuno di noi o che noi stessi possiamo esserne complici, se non addirittura autori.
Ricordo nitidamente un giorno dell’inizio di aprile 1992 quando, davanti a una panetteria, la gente parlava della situazione dei kurdi in Iraq, vittime di un terribile attacco con armi chimiche ordinato dal regime di Saddam Hussein. Ne parlava affermando che da noi un crimine del genere non poteva capitare. "Noi" eravamo una realtà urbana, sviluppata, con persone educate e istruite nelle migliori scuole, gente che la sera andava ai concerti rock oppure guardava le soap americane. Correva il mese d’aprile 1992, dicevo. Ed eravamo a Sarajevo. Mai e poi mai avremmo potuto immaginare che solo pochissimi giorni dopo la nostra città sarebbe stata assediata e bombardata per oltre tre anni, con un bilancio finale di oltre 10.000 vittime: il più lungo assedio dei tempi moderni. Né potevamo immaginare che il Paese nel quale vivevamo sarebbe diventato il sinonimo di "pulizia etnica"; un fenomeno certamente non nuovo ma che solo in seguito alla guerra in Bosnia (1992-1995) è entrato nel vocabolario comune.
"Nessuno Stato è immune. Le atrocità possono essere commesse in qualsiasi società, indipendentemente dal suo grado di sviluppo. Perciò è importante fare per tempo un lavoro di prevenzione". Troviamo questa frase nel documento fondatore di Gaamac, un’iniziativa lanciata alcuni anni fa a livello internazionale e sostenuta in particolare dal governo svizzero. Gaamac, che sta per Global action against mass atrocity crimes (www.gaamac.org), è una rete globale, guidata da un gruppo di cinque Paesi (Argentina, Costa Rica, Danimarca, Svizzera, Tanzania). Il suo obiettivo è ambizioso: avviare un lavoro di prevenzione per evitare il ripetersi dei più gravi crimini e atrocità. Lo fa attraverso una piattaforma comune dove gli attori statali e le organizzazioni non-governative possono scambiare esperienze e informazioni e approfittare delle rispettive conoscenze specifiche sviluppate nel corso degli anni. Il terzo incontro internazionale avrà luogo dal 23 al 25 maggio in Uganda ed è sostenuto dalle Nazioni Unite. "Tutti parlano della prevenzione, ma non investiamo abbastanza nella prevenzione", afferma Adama Dieng, giurista senegalese che ha lavorato presso il Tribunale penale internazionale per il Ruanda, un tribunale speciale creato per giudicare i responsabili del genocidio ruandese. Dal 2012 è consigliere speciale del segretario generale dell’Onu per la prevenzione del genocidio.
La sfida più difficile di questa lodevole iniziativa è di convincere sempre più Paesi a investire risorse e creare meccanismi per prevenire le atrocità. In altre parole, è importantissimo che le iniziative di questo genere non vengano calate dall’alto ma che all’interno di ogni Paese si sviluppi la consapevolezza che è nel suo interesse, nell’interesse della sua popolazione e delle generazioni future, sviluppare per tempo gli strumenti di prevenzione.
Se ripenso a quei giorni dell’inizio di aprile 1992, e alla rapidità con la quale ciò che era impensabile è diventato non solo pensabile ma tragicamente realizzabile, mi dico che la prevenzione è l’unica speranza che abbiamo. Certo, è importante anche creare i tribunali internazionali per processare i responsabili dei crimini, fare un lavoro di riconciliazione e di pacificazione. Ma è decisamente meglio che non si debba arrivare a questo punto.
13.05.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00