function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Resta sospeso il futuro dell'intesa fra Plrt e Ppd
Immagini articolo
Manca una leadership
per la svolta del centro
LIBERO D'AGOSTINO


La congiunzione elettorale Plrt-Ppd è un’esperienza che si è chiusa questa domenica, 17 novembre, col ballottaggio per gli Stati, oppure può essere l’inizio di un nuovo percorso politico verso una grande forza di centro? È la domanda che incombe sul futuro dei due partiti che assieme rappresentano il 40% degli elettori ticinesi, mentre da soli sembrano condannati  ad un declino programmato. Ma la possibilità di un’alleanza organica è pregiudicata dalla mancanza di una leadership, sia per i liberali radicali che per i popolari democratici, capace d’innescare e gestire un delicato processo di avvicinamento con l’obiettivo finale di una comune prospettiva. I politici promettenti ci sono: Alex Farinelli, Natalia Ferrara, Nicola Pini, Alessandro Speziali e Giacomo Garzoli, nel Plrt;  Maurizio Agustoni, Giorgio Fonio, Marco Passalia, Sabrina Gendotti e Nadia Ghisolfi nel Ppd, volti emergenti, ma non ancora sufficientemente equipaggiati per segnare quella discontinuità necessaria ad una svolta storica.
Con una costante erosione dei consensi, i trend elettorali sono inesorabili per entrambi i partiti. L’affrettata congiunzione "tecnica" alle  federali, più che a risollevarne le sorti, ha disseminato dubbi e perplessità sulle potenzialità di un’intesa che, svilita da un‘ambigua commedia degli equivoci, non favorirà la riflessione congiunta sul loro futuro. Mentre a sinistra e a destra si sono consolidate due coalizioni, l’area di centro resta disaggregata e in balia di un quadro politico molto più polarizzato. Quel 40% di elettori moderati che, notava Gerardo Rigozzi, una delle teste pensanti del Plrt, "chiede una politica di equilibrio e di sano compromesso, e che non ama gli estremismi" ha bisogno di una nuova rappresentanza che per ora non c’è. È su quest’area che Plrt e Ppd dovrebbero, e potrebbero, strutturare un progetto politico alternativo. Non calato dall’alto, ma da costruire con un dialogo e un confronto dal basso che investa  sezioni e distretti, da sviluppare anche con iniziative comuni d’incontro e dibattito. Muovendo da ciò che unisce e non da ciò che divide o, meglio, "dal riconoscere le diversità per raggiungere l’unità", come suggeriva l’ex presidente liberal radicale Fulvio Pelli, citando il premio Nobel Tagore.
Nel Plrt si discute e si scrivono persino libri sui destini del liberalismo, visto con gli occhi di un radicale quale Arnaldo Alberti o con quelli meno ideologizzati di Ferrara, si produce analisi politica con Andrea Ghiringhelli, Rigozzi e Mauro Dell’Ambrogio. Si esplorano gli sviluppi delle relazioni tra democrazia liberale e pensiero scientifico con Giancarlo Olgiati, uno dei padri di "Ragioni critiche" e oggi vicepresidente della Water Academy di Lugano che in tre anni di attività ha acquisito fama internazionale. Manca, però, la sintesi politica nel vertice del partito.
Nel Ppd,  a parte la voce solitaria di Agustoni, non si registrano, purtroppo, pubbliche riflessioni sul senso della testimonianza cristiana in politica, sull’attualità della dottrina sociale della Chiesa o sulla modernità del cattolicesimo liberale. In entrambi i partiti c’è una leva di giovani che guardano ad un’identità politica depurata dalle tossine delle contrapposizioni del passato. Non ci sono, però, veri leader. In grado di elaborare un nuovo significato del centro, di dargli una ragione d’essere che vada oltre l’opposizione al populismo, e creare un comune sentimento di fiducia per un’idea di Paese che prevalga sulle paure.
ldagostino@caffe.ch
(3 - fine / le precedenti puntate sono state pubblicate  domenica 3 e 10 novembre)
17.11.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00