La politica segue "linee guida" ormai vecchie, del 2003
Immagini articolo
"Il Cantone decida
da che parte andare"
ANDREA STERN


Se non si sa dove si vuole andare, si finisce per bighellonare. Se non si traccia un sentiero, si rischia di perdere l’orientamento. Succede alle persone come alla politica. Anche in Ticino, dove dal lontano 2003 il Consiglio di Stato non ha più aggiornato il "Rapporto sugli indirizzi". Un documento, previsto dalla legge sulla pianificazione cantonale, che indica le linee guida per lo sviluppo del Cantone. Il rapporto sugli indirizzi avrebbe dovuto essere attualizzato nel 2010 ma non se ne è fatto nulla. E quindi oggi, alle soglie del 2020, l’azione politica del Cantone si basa ancora su visioni risalenti a quasi un ventennio fa, quando temi come l’emergenza climatica, la digitalizzazione o l’invecchiamento della popolazione non avevano ancora raggiunto l’attuale dimensione.
"Se non si hanno visioni a lungo termine - afferma Alex Farinelli, capogruppo del Plr in Gran Consiglio -si resta condizionati dal sentimento del momento. Si prendono tante decisioni, magari anche buone, ma spesso legate alle contingenze. È un po’ come navigare senza bussola. Penso sia giunto il momento di definire delle nuove visioni strategiche".
In effetti il rapporto sugli indirizzi attualmente in vigore presenta una visione fino al 2020, "cioè fino a domani" evidenzia Farinelli. Il rapporto, composto da 72 pagine, indica obiettivi in vari ambiti. Dal sostegno alla formazione alla facilitazione dell’accesso alle reti digitali. Dalla promozione di nuove forme di mobilità al sostegno all’autonomia del cittadino. Dalla ricerca di alleanze a livello nazionale e internazionale all’incentivazione della competività territoriale. Ecco, in che modo sono stati perseguiti questi obiettivi? Quali risultati sono stati raggiunti? Non sarebbe il caso di attualizzare le visioni della politica cantonale?
Sono in pratica le domande di Farinelli contenute in una mozione, con cui chiede al Consiglio di Stato di aggiornare entro il 2021 il Rapporto sugli indirizzi. Non per forza sotto la medesima forma. Il capogruppo plrt suggerisce infatti dapprima di valutare se lo strumento così come concepito sia ancora funzionale o se debba essere sostituito. Poi, una volta deciso che tipo di documento realizzare, Farinelli chiede di avviare la procedura per portare alla sua redazione. Entro il 2021 si dovrebbe quindi giungere alla discussione in Gran Consiglio di un nuovo rapporto sugli indirizzi "che presenti visioni strategiche in particolare dal profilo economico, sociale e infrastrutturale, nonché i rischi e le opportunità cui sarà confrontato il nostro Cantone".
L’esercizio può sembrare puramente teorico, riconosce Farinelli. "Ma è importante che la politica - aggiunge - sia in grado di dare una visione d’insieme dello sviluppo che vuole perseguire". Per tre motivi. "Primo - spiega -, i politici non sono eterni e quindi è necessario dare una certa continuità che prescinda dalle singole persone. Secondo, per mantenere un minimo di coerenza tra gli obiettivi di lungo termine e le decisioni che vengono prese quotidianamente. Terzo, la politica deve gestire il delicato equilibrio tra la ricerca del consenso e la capacità di elevarsi a un livello superiore che non necessariamente risponde a un bisogno impellente ma che costituisce un importante tassello di sviluppo per il futuro".
a.s.
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00