function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il ripiegamento sui temi "locali" dei popolari democratici
Immagini articolo
La cultura del Ppd
ha un'anima identitaria
LIBERO D'AGOSTINO


Nella storia recente del cantone c’è una data che andrebbe segnata in grassetto: 27 ottobre 1990. Quel giorno il consigliere federale ppd Flavio Cotti in un convegno a Poschiavo sollecita il Ticino a rilanciare il progetto per un vero ateneo: "La Confederazione non mancherebbe di accompagnarlo con tutta la sua benevolenza" assicura. Fu l’input decisivo per la nascita dell’Università della Svizzera italiana. È stato, quello, il contributo più importante del Ppd nel ridisegnare la mappa culturale del cantone che, quattro anni prima, si era già arricchita di un’importante istituzione, la facoltà di Teologia, grazie anche all’impegno di Renzo Respini, altro noto esponente popolare democratico. Da allora, col declino del partito è andata anche scemando la sua politica culturale. Ritornata agli onori delle cronache locali qualche anno fa, ma solo per le veementi polemiche contro il Film Festival di Locarno reo di aver infranto le regole del pubblico pudore.
È stato questo il segnale più evidente della mancanza nel Ppd di una vera politica della cultura, capace di interpretare i cambiamenti della società, rielaborandoli in una visione più aperta della società e dell’evoluzione dei costumi. Nel programma di legislatura 2019-2023 dei popolari democratici il problema della cultura si riduce alla salvaguardia "delle bellezze artistiche e architettoniche lasciateci dai nostri antenati". Un patrimonio in parte "già compromesso e distrutto", per cui si chiede la creazione "di un fondo finanziario per la protezione dei beni storici tutelati negli inventari e nei piani regolatori comunali".  
Necessità indubbiamente irrinunciabile, viste le devastazioni degli ultimi anni. Ma in questa prospettiva meramente "conservatrice", e dagli accenti "nostranisti", di un patrimonio culturale materiale, non si coglie l’effervescenza di quella "cultura diffusa" sul territorio che sollecita la partecipazione diretta dei cittadini, che crea dialogo e legami comunitari. Né tantomeno si parla della sua promozione come stimolo per la crescita civile e sociale del paese.
Si resta nell’angusto perimetro del passato, per quanto importante, dei luoghi, delle radici e degli antenati. Si nota, insomma, una sorta di afasia politica nel leggere le trasformazioni sociali che ha anche sospinto il nuovo vertice del partito sul terreno di una difesa identitaria non dissimile da quella professata dalla Lega. Radici e identità che rischiano però di restringere i nostri orizzonti, che non devono essere "la tana di un animale spaventato", ha ammonito monsignor Lazzeri nella sua omelia del 1. agosto sul San Gottardo. "Come possiamo dire di seguire il Signore - ha ricordato il vescovo -, se la preoccupazione unica e totalizzante per noi è per quelli del proprio sangue, della propria razza, della propria cultura, se non abbiamo il coraggio di accogliere un altro fermento nel cuore, che non sia quello della conservazione di sè del proprio modo di vedere le cose".
Oggi nel Ppd si riscontra un deficit di cultura politica e di politica culturale che, da un lato, non gli permette di recepire e metabolizzare gli strappi di una modernità che solleva nuove domande e nuove aspettative, e dall’altro di riattualizzare il grande patrimonio della dottrina sociale della Chiesa alla luce di quell’"umanesimo solidale", invocato da papa Francesco. Per gestire il cambiamento attraverso il progetto di una società non ripiegata su se stessa, abbozzolata in un mitico passato, ma aperta a modelli più inclusivi di relazioni umane e convivenza civile.
ldagostino@caffe.ch
(4 - continua)
25.08.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00