L'intellettuale Rigozzi sul confronto tra politica e cultura
Immagini articolo
"Ci vuole progettualità
non solo pragmatismo"
CLEMENTE MAZZETTA


Politica e cultura per Gerardo Rigozzi, intellettuale d’area liberale, stanno andando in direzioni opposte. "Sono ormai due mondi separati  - dice al Caffè -. Prendo l’esempio del dibattito sulla scuola: non si è stati capaci di affrontare le questioni di fondo, ci si è divisi piuttosto fra pro e contrari a Bertoli...".
Anche il Plrt non ha dimostrato una grande visione. Non crede?
"Ha pasticciato. Non ha saputo impostare la riforma scolastica in termini culturali, affrontando le esigenze reali, profonde della società".
Parlando di cultura, qual è quella della classe politica ticinese?
"Qualitativamente oscilla da candidato a candidato. Alcuni  hanno una buona cultura politica, altri sono più pragmatici. Bisognerebbe saper conciliare i due aspetti. Come nell’antica Grecia, l’uomo politico dovrebbe avere le caratteristiche di Pericle, che univa cultura e capacità di affrontare la realtà".
Nel Plrt sembra prevalere il pragmatismo, non trova?
"Ma ci sono anche persone come Giovanni Merlini, con una visione e una cultura politica interessanti, capace di riflettere sui fondamenti delle cose".
E qual è l’atteggiamento della politica verso la cultura?
"Il rapporto fra l’uomo della politica e quello della cultura è di diffidenza. Bisogna ammettere che gli uomini di cultura a volte si sono espressi in modo contraddittorio, astratto, ci sono quando non dovrebbero esserci e viceversa. Ma anche perché oggi si fa fatica ad ascoltare chi argomenta. Si preferisce ascoltare le ricette semplici, o peggio chi grida".
La politica oggi è soprattutto slogan, soluzione rapida.
"Non da oggi. Cito a mo’ d’esempio il dialogo fra Socrate e Callicle su cosa doveva essere la politica. Callicle diceva che politica era risolvere i problemi reali, l’essere delle cose. Socrate  ribatteva che la politica doveva mirare al dover essere, a ciò che dovrebbe realizzare".
Attualmente cosa prevale?
"Oggi il confronto si appiattisce sull’essere e sul presente con il rischio di non avere una visione, una prospettiva. Senza calare teorie dall’alto, occorre pensare, avere un progetto, un  modello di società da perseguire".
Pensando al Lac, all’Usi, non si può dire che nel nel Plrt non ci sia stata una politica culturale.Vero?
"Certo, a Lugano c’è stato in passato un modello, una prospettiva su come sviluppare la città, che oggi non c’è più. Ha ragione Michele Bertini quando dice che prima di parlare di questioni di potere bisogna capire che direzione dare alla città".
La diffidenza nasce anche perché la cultura finisce nel chiedere soldi, sovvenzioni alla politica.
"È la a tendenza del ‘fra cercott’ di quelli che chiedono proventi dello Stato per fare, pubblicare, stampare: c’è sempre stata. Io auspicherei che gli uomini di cultura si esprimessero  sulla realtà delle cose non in termini generici, con i soliti cliché, ma dando indicazioni. Abbiamo bisogno di gente che ragiona".
Oggi invece la politica è solo pragmatismo. Vero?
"Ma è pragmatismo o qualunquismo? Oggi si cerca solo di non scontentare nessuno. Si veda la riforma fiscale, di corto respiro".
cmazzetta@caffe.ch
11.08.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00