Scontro in governo sugli Sgravi 2019, si media con Bertoli
Immagini articolo
"Troppi tagli fiscali"
Il no del ministro ps
LIBERO D'AGOSTINO


Difficile, molto difficile, se non impossibile, che il governo si presenti unanime e compatto col suo secondo pacchetto fiscale (ne discuterà fra il 3 e il 10 luglio) . Se il ministro socialista Manuele Bertoli aveva già annunciato la sua opposizione ai nuovi sgravi, che dovrebbero compensare la fine della tassazione agevolata per le società a statuto speciale, ad inasprire ora il confronto nel Consiglio di Stato è la riduzione del moltiplicatore cantonale. Una riduzione che dal 5%, prevista inizialmente, si vorrebbe portare al 4%.
Ma che sia del 5% o del 4%, questa diminuzione, secondo Bertoli, incidendo su tutte le imposte, sia delle persone fisiche che delle imprese, non avrebbe nulla a che vedere con gli adeguamenti obbligatori alla riforma federale, approvata dal popolo nel maggio scorso, che ha eliminato la tassazione agevolata. Per di più costerebbe solo alle casse del Cantone quasi 60 milioni di franchi all’anno. Insomma, il taglio delle imposte per le persone fisiche non c’entrerebbe nulla col nuovo regime della tassazione unica per le aziende deciso da Berna; detto in altre parole, per i socialisti, non sarebbe altro che uno zuccherino offerto ai cittadini in vista del voto su un referendum, già annunciato, contro il nuovo pacchetto fiscale.
È questo il principale nodo politico che ha acceso lo scontro in governo. Con Bertoli da una parte e gli altri tre ministri dall’altra che sostengono le misure messe a punto dal ministro delle Finanze Christian Vitta. Poco probabile che in questi giorni si arrivi ad un accordo, ad un qualche compromesso che garantisca quanto meno un’unanimità di facciata, visto che per il momento sul tavolo dell’esecutivo non c’è ancora nessuna contropartita sociale in cambio degli sgravi. Com’era successo l’anno scorso con la modifica della legge tributaria: riduzione dell’onere fiscale sul capitale delle imprese e sulla sostanza delle persone fisiche, in cambio di 20 milioni di aiuti per favorire la conciliabilità tra lavoro e famiglia.
Ma ecco cosa prevede il nuovo pacchetto fiscale in vista della tassazione unica delle aziende che entrerà in vigore nel gennaio del 2020. In gioco, va premesso, c’è l’attrattività fiscale del Ticino per le aziende che sinora hanno beneficiato della tassazione agevolata, garantendo il 20% del gettito totale delle persone giuridiche. In soldoni circa 90 milioni all’anno (50 per il Cantone e 40 per i Comuni), entrate che aiutano a coprire i costi per la socialità, la sanità o la formazione. Dunque, indispensabili per finanziare la spesa pubblica.
Il progetto del dipartimento Finanze è articolato in due fasi. In una prima fase transitoria, che va dal 2020 al 2024, l’aliquota cantonale per le persone giuridiche si ridurrà dal 9% all’8%; nella fase definitiva, stabilita per il 2025, si abbasserà ulteriormente al 5,5%. Inoltre, è previsto un trasferimento fisso di 9 milioni di franchi dal Cantone ai Comuni per alleggerire l’impatto delle misure sugli Enti locali.
Fatti quattro calcoli, il costo totale del pacchetto non sarebbe insopportabile per il Cantone, anche se nel 2025 (con l’aliquota al 5,5%) si farà sentire di più. Ma per quella data nelle casse pubbliche si dovrebbero registrare anche maggiori entrate, grazie alla revisione della perequazione finanziaria federale e alla rivalutazione delle stime immobiliari. Quindi, il vero problema resta la riduzione del moltiplicatore cantonale su cui i socialisti non intendono transigere.

ldagostino@caffe.ch
30.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00