2/L'economia dei partiti - L'impresa secondo i leghismo
Immagini articolo
Dalla Lega fucilate
al mondo economico
LIBERO D'AGOSTINO


La tassa sui posteggi, il giro di vite sui permessi di lavoro con le lungaggini burocratiche che creano gravi difficoltà agli imprenditori, le forsennate campagne primanostriste, la demonizzazione delle imprese che impiegano frontalieri, gli attacchi frontali agli accordi con l’Ue e alla libera circolazione e, infine, una visione della pianificazione territoriale con una forte impronta dirigista. Dalla Lega, con i suoi due ministri al governo, sono arrivate molte fucilate sulle imprese.
A parte lo storico consenso alla politica di sgravi fiscali e il convinto sostegno al 5G, tra leghismo e mondo economico la distanza è ormai abissale. Se la consigliera nazionale leghista Roberta Pantani sollecita l’introduzione della nuova rete di telefonia mobile "per non isolare il nostro cantone dal mercato globale", il Mattino invoca sul confine verde del Ticino "una bella barriera sul modello ungherese". Apertura tecnologica verso il flusso mondiale dei dati e chiusura delle frontiere locali per migranti e lavoratori stranieri, in un paese già stretto nella trappola demografica. "Con una popolazione che, senza immigrazione, è destinata ad estinguersi nel giro di qualche decennio", ha avvertito anni fa l’allora direttore dell’Ufficio statistica Elio Venturelli.
Sono le contraddizioni di un movimento etnopopulista che antepone la presunta difesa identitaria e territoriale, alle necessità della crescita economica. In un cantone che dovrebbe attirare dall’estero non solo aziende high-tech, ma anche lavoratori specializzati, talenti per i suoi centri di ricerca e l’industria avanzata. Che dovrebbe aprire le porte persino alla semplice manodopera di cui hanno bisogno i cantieri edili, le vituperate fabbrichette a bassa intensità tecnologica ma che offrono un impiego a chi è senza qualifiche, e tante altre attività, dal parasanitario all’albergheria e alla ristorazione.
Taluni scompensi di un mercato del lavoro in forte crescita, sono generalizzati e amplificati nell’ossessivo racconto leghista di un’economia allo sbando in mano agli "spalancatori di frontiere", di un territorio rovinato dai capannoni industriali e dal traffico generato dai frontalieri, che ha contaminato e condizionato gli altri partiti. Un tossico per l’economia ticinese che dalla Lega, dal ministro delle Istituzioni Norman Gobbi si aspetta almeno che allenti la morsa dissuasiva sui permessi di lavoro, come ha promesso prima delle elezioni.
In questo clima avvelenato di "dissonanza cognitiva", in cui la percezione manipolata della realtà conta più della realtà stessa, non c’è verità statistica sulla disoccupazione o analisi economica che tenga. Se il recente studio di Bak Economics certifica la creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro in Ticino e un sistema produttivo capace di competere su scala mondiale per numero e qualità dei brevetti, per il Mattino è soltanto "uno studio farlocco commissionato dai soldatini plr della Camera di commercio". "Farlocco" come tante altre ricerche che hanno registrato un’evoluzione più che positiva dell’economia cantonale in questi ultimi anni.
"Soldatini dell’economia", secondo la definizione coniata a suo tempo dal ministro leghista Claudio Zali, mentre le grandi organizzazioni imprenditoriali nazionali come Economiesuisse, attenta a salvaguardare i rapporti con l’Ue, altro non sarebbe che un’associazione "dove a menare il torrone sono i manager stranieri delle multinazionali, ai quali del nostro paese importa meno di zero".

ldagostino@caffe.ch
(2 - continua)
23.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00