Romano chiede misure incisive a favore delle minoranze
Immagini articolo
"Il plurilinguismo
è un valore aggiunto"
MICHEL GUILLAUME


Gli italofoni sono nettamente sottorappresentati nei posti chiave dell’amministrazione. Qual è la sua reazione?
"Sono deluso e arrabbiato. L’amministrazione federale è il cuore del nostro Stato. Lavora per il Paese. Serve tutte le sue componenti e deve relazionarsi con esse rispettando la varietà linguistica. Il radicarsi di un blocco monolitico svizzero-tedesco è preoccupante. Non basta prenderne atto e lamentarsi. La Svizzera italiana deve reagire: Berna non è lontana e la Confederazione è un ottimo datore di lavoro. I vertici della Confederazione devono prendere misure più incisive per favorire l’equa presenza delle comunità linguistiche".
La coesione nazionale di cui la Svizzera va tanto fiera il 1° agosto è solo un mito?
"Il plurilinguismo è una risorsa eccezionale. Non un concetto astratto da sventolare nei discorsi ma un plusvalore da vivere attivamente. È un reale collante tra le singole componenti del Paese. È il ponte tra differenti culture, regioni e dinamiche. La conoscenza delle lingue nazionali deve rimanere fra le nostre priorità e va promossa in tutti i contesti. Solo così manterremo la nostra specificità in un mondo che tende a relativizzare le identità. In questo ambito sia il mondo della scuola sia l’amministrazione pubblica giocano un ruolo chiave".
Si sente dire che "il plurilinguismo è costoso e rallenta i processi". Che cosa ne pensa?
"Il plurilinguismo ci rende unici nel contesto internazionale. Piuttosto che valutarne i costi e le conseguenze sui processi, occorre che i vertici ne riaffermino il reale valore aggiunto. Oggi nella quotidianità sono troppo poco attenti nei confronti del potenziale dato da un giusto mix di personale proveniente dalle varie aree linguistiche".
La legge sulle lingue del 2007 è un fallimento?
"È una base legale molto importante, attesa da anni. Un punto di partenza, non di arrivo. Non basta avere una legge che prescrive regole e valori soglia, bisogna anche realizzarla, in ogni ambito possibile. L’applicazione deve essere più rigorosa. Il non rispetto dei valori soglia e delle regole chiave va sanzionato. Un quadro non va promosso se non migliora le competenze linguistiche. Nei colloqui di assunzione va obbligatoriamente invitata una percentuale rappresentativa di italofoni. Ai colloqui deve essere presente un italofono. Per i dirigenti si utilizzano spesso "cacciatori di teste": nel mandato deve essere prescritta la ricerca attiva di profili della Svizzera italiana (non solo ticinesi, ma italofoni in Svizzera e nel mondo: si pensi al nuovo Ceo della Posta)".
Cosa dovrebbe fare Nicoletta Mariolini, la delegata al plurilinguismo nominata dal Consiglio federale?
"Proseguire la sua attività, divenendo una spina nel fianco degli uffici federali irrispettosi del plurilinguismo e della Svizzera italiana. Il Consiglio federale deve valorizzare maggiormente questa figura".
L’amministrazione è una grande nave difficile da manovrare. Non si sente impotente?
"Rassegnarsi significa fermarsi. I troppo pochi italofoni oggi attivi a Berna meritano il nostro sostegno e la nostra difesa. Solo un’azione duratura e costante permetterà miglioramenti".
14.04.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur