La quota di italofoni a Berna resta inferiore ai limiti legali
Immagini articolo
In quei dipartimenti
non si parla italiano
ANDREA STERN


Zero su cinquantatrè. Al Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) non c’è nemmeno un alto funzionario di lingua italiana. Questo nonostante la Legge sulle lingue nazionali prescriva chiaramente che nelle varie unità dell’Amministrazione federale ci deve essere una percentuale di italofoni compresa tra il 6,5 e l’8,5%. Ma nel dipartimento diretto da Karin Keller-Sutter, che l’ha ripreso a inizio anno da Simonetta Sommaruga, questa regola è ben lungi dall’essere rispettata.
E non solo lì. Le cifre fornite a Le Temps dall’Amministrazione federale indicano che nessuno dei sette dipartimenti rispetta la soglia prevista dalla Legge federale sulle lingue nazionali. Una legge che non risale a ieri bensì al 2007. Ci sarebbe dunque stato tutto il tempo per adeguarsi. L’unico esempio virtuoso arriva dalla Cancelleria federale, dove gli alti funzionari di lingua italiana sono il 22,2%, quindi molto più numerosi rispetto al minimo legale. Per il resto il panorama è desolante.
Nemmeno il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), diretto dal ticinese Ignazio Cassis, rispetta le prescrizioni di una norma nata con gli obiettivi di "rafforzare il quadrilinguismo quale elemento essenziale della Svizzera, consolidare la coesione interna del Paese; promuovere il plurilinguismo individuale e il plurilinguismo istituzionale e salvaguardare e promuovere il romancio e l’italiano in quanto lingue nazionali".
Tra i 305 alti funzionari del dipartimento guidato da Ignazio Cassis gli italofoni rappresentano il 6,3%, la stessa percentuale di quattro anni prima, quando il "capo" era il neocastellano Didier Burkhalter. Si era appena sotto il minimo legale e lo si è rimasti, nonostante il cambio di direzione. Perlomeno il Dfae è uno dei soli due dipartimenti dove si rispetta la minoranza francofona. I funzionari romandi sono il 29,8%, più numerosi rispetto alla soglia prevista tra il 21,5 e il 23,5%. L’altro dipartimento in cui i limiti legali vengono almeno in parte osservati è quello dell’Interno, diretto dal friborghese Alain Berset, con il 24,7% di francofoni. Ma con solamente lo 0,1% di italofoni.
Una situazione "catastrofica", come la definisce Le Temps, che si ripercuote sull’intera macchina burocratica. Il Centro di studi sulla democrazia di Aarau (Zda), in uno studio pubblicato nel settembre scorso, evidenziava che gli atti legislativi redatti in italiano restano sotto il 2%, quindi una quota insignificante. Migliore è la situazione del francese, che negli ultimi vent’anni è passato dal 5 al 18%. Un risultato, spiegava lo studio, dovuto all’impegno dei quadri superiori francofoni in favore del plurilinguismo. "Gli italofoni - aggiungevano i ricercatori - sembrano dal canto loro essersi rassegnati al fatto che nell’Amministrazione federale l’italiano non funga da lingua ufficiale equivalente alle altre".
Un atteggiamento sbagliato secondo il consigliere nazionale ppd Marco Romano (vedi articolo a fianco), autore di numerosi atti parlamentari in difesa delle minoranze linguistiche. Gli italofoni non devono rassegnarsi bensì insistere affinché la loro lingua sia trattata per quello che è, una lingua nazionale. È indispensabile non mollare la presa. Anche perché, come evidenziava ancora lo studio del Zda, un’ulteriore sfida per le minoranze linguistiche arriva dalla crescente importanza dell’inglese anche in seno all’Amministrazione federale, in particolare in ambito scientifico o nelle relazioni internazionali. L’italiano rischia di finire ancor più nell’angolo.

a.s.
14.04.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00