function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Continua a crescere il bilancio della pandemia
Immagini articolo
In tutto il mondo registrati
quattro milioni di contagi
R. C.


È una “fase due”, in molti Paesi che hanno raggiunto il picco di contagi e hanno cominciato la discesa, che si porta dietro numeri spaventosi. Perché ieri, sabato, mentre in alcune città svizzere si manifestava chiedendo allentamenti delle misure di protezione, a livello internazionale si è giunti a quota 4 milioni di casi di coronavirus. Una soglia psicologica che fa paura. Secondo i calcoli praticamente in tempo reale dell’università americana Johns Hopkins, i contagi globali vanno avanti a un ritmo impressionante, mentre i decessi hanno superato i 276 mila. L’unica vera nota positiva è che, sempre a livello mondiale, sono guarite complessivamente quasi un milione e mezzo di persone (1.330.209 ieri mattina).
Il Paese più colpito rimane l’America, dove tuttavia in 47 Stati su 50 da domani, lunedì, scatterà la “fase due” con la riapertura di aziende e regole più blande. E questo mentre tra venerdì e sabato, dunque in 24 ore, gli Stati Uniti hanno contato 1.635 decessi legati al virus che portano il numero totale a oltre 77 mila (26mila solo nello Stato di New York), a questo dato va aggiunto il milione e 300 mila contagi registrati. Anche in Russia c’è stata una forte accelerazione con più di 10 mila casi in 24 ore (anche qui tra venerdì e sabato). In Italia, dove la riapertura è segnata da spinte che arrivano dalle Regioni, i morti sono oltre 30 mila. Cioè mille in meno rispetto alla Gran Bretagna che però registra meno casi di contagio.
Anche la Svizzera, ha superato la soglia di 30mila casi. I decessi sono 1.823 (1.830 secondo corona-data) sempre seguendo i numeri dell’università Johns Hopkins. Da domani, si sa, riapriranno diverse attività. Nonostante questo, ieri, sabato, a Berna, San Gallo, Basilea e Zurigo si sono svolte manifestazioni (non autorizzate) contri i divieti imposti dalle autorità. La polizia ha disperso i manifestanti, solo a San Gallo potrebbero scattare denunce.
In Ticino, infine, secondo i dati resi noti ieri mattina dalla autorità cantonali altre 4 persone sono morte a causa del coronavirus (338 in totale) mentre i nuovi casi positivi sono stati tre che portano il numero complessivo a 3.260. Nel frattempo altri 14 malati sono stati dimessi tra venerdì e sabato (in tutto sono tornate a casa 843 persone). Ora si attende la prima, vera prova con la riapertura di scuole, ristoranti e attività commerciali. Una prova che preoccupa tanti, da qui l’appello alla responsabilità.
10.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00