Tutti i guai giudiziari del movimento di Matteo Salvini
Immagini articolo
Lega di lotta, di governo
e... di inchieste penali
DAVID ALLEGRANTI DA ROMA


Sulla "Roma ladrona" il vecchio leader della Lega Nord Umberto Bossi ci aveva costruito tutta una narrazione contro lo Stato centrale. Poi è arrivato Matteo Salvini, che ha nazionalizzato il partito. Una cosa però è rimasta identica negli anni: a dispetto dello storytelling sui "parassiti" della politica, la Lega - che nel frattempo ha perso il Nord nel nome - ha avuto e ha i suoi bei guai giudiziari. In tutto 38 inchieste penali aperte che coinvolgono 72 esponenti del Carroccio in otto regioni italiane diverse.  L’ultimo caso è quello dell’ex viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi, condannato in primo grado a tre anni e cinque mesi per peculato (i fatti risalgono a quando era capogruppo della Lega in Regione Liguria, tra il 2010 e il 2012) e costretto alle dimissioni.
Appena qualche settimana prima a lasciare era stato l’ex sottosegretario ai Trasporti Armando Siri, che nella Lega ha un ruolo preminente perché è il teorico della "flat tax", indagato per corruzione. La lista di leghisti finiti in mezzo a vicende giudiziarie è molto lunga e riguarda sia la vecchia gestione sia quella nuova. Il caso più famoso è quello sulla truffa ai danni dello Stato italiano per 49 milioni di euro, con al centro Bossi, il figlio Renzo detto il Trota e l’ex tesoriere Francesco Belsito (ma per ora l’unico rimasto giudiziariamente "con il cerino in mano" è Belsito, condannato a gennaio: "Io pago lo scotto di essere stato il tesoriere che ha eseguito determinati ordini. In questo caso paga l’esecutore ma non il mandante"). Una vicenda non indolore per le casse della Lega, che ha iniziato a restituire il denaro allo Stato con rate da circa centomila euro l’una ogni due mesi. Resta da capire dove siano finiti quei soldi; secondo una ricostruzione del settimanale italiano L’Espresso del dicembre scorso sarebbe stata usata una rete di associazioni "per svuotare i conti della Lega. Una rete di associazioni usata per finanziare la Lega senza passare dai conti ufficiali", con una pista che passa anche dalla Svizzera.
Per restare alla Lombardia, di recente anche il governatore leghista Attilio Fontana è finito sotto indagine per abuso d’ufficio, per la nomina di Luca Marsico, suo amico e socio del suo studio legale (Fontana di professione è avvocato), a membro del "Nucleo di valutazione degli investimenti pubblici"; incarico che gli avrebbe fruttato compensi per 11.500 euro l’anno. Il viceministro dell’Economia Massimo Garavaglia, ex assessore regionale della Regione Lombardia, è invece indagato per turbativa d’asta.
A marzo, l’accusa ha chiesto una condanna a due anni per una gara da 11 milioni di euro del 2014 per il servizio di trasporto di persone dializzate. Anche sul mitologico territorio, quello dove opererebbe la migliore classe dirigente leghista, abbondano le indagini. Il sindaco di Legnano (provincia di Milano) Gianbattista Fratus è finito ai domiciliari a maggio per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale. L’ex assessore regionale Giovanni Malanchini, oggi consigliere, è stato indagato nel 2018 per un’inchiesta sul carcere di Bergamo.
Come detto, Salvini ha trasformato il partito da movimento etnoregionalista collocato soprattutto nel Nord Italia a forza nazionale e nazionalista. Il risultato è che non solo i voti si sono distribuiti in tutto il Paese ma anche le indagini. Guardiamo al Sud. Per sfondare nel Mezzogiorno, il segretario del Carroccio ha dovuto imbarcare dirigenti provenienti da altri partiti come l’ex centrista Angelo Attaguile, che con "Noi con Salvini" ha portato la Lega nel Sud ma anche un po’ problemi.
Attaguile è infatti indagato in un’inchiesta della procura di Termini Imerese su un sistema di voto di scambio che riguarda un centinaio di politici tra assessori regionali, deputati, sindaci e amministratori siciliani. Insomma, la Lega non fa proprio distinzioni fra Nord e Sud. Così almeno dicono le inchieste.
02.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00