La Spagna ha tolto il veto sull'uscita dall'Ue dell'Inghilterra
Immagini articolo
Madrid cambia idea
e dice sì alla Brexit


Oggi, domenica, a Bruxelles la Spagna voterà a favore dell’accordo sull’uscita del Regno Unito dall’Unione europea (Ue). La decisione di appoggiare la Brexit al vertice straordinario dell’Ue è arrivata ieri, sabato, dopo aver ottenuto garanzie sul nodo Gibilterra. Nodo che senza le rassicurazioni avute ieri dal primo ministro spagnolo Pedro Sanchez sarebbe rimasto irrisolto.
"Dopo una telefonata tra il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il premier Pedro Sanchez, pochi minuti fa, siamo più vicini" ad andare avanti, ha twittato il portavoce di Tusk, Preben Aamann. Dopo la Brexit, i rapporti tra Gibilterra e Ue "passeranno attraverso la Spagna", ha detto dal canto suo Sanchez.
Madrid ha dunque ricevuto quello che voleva.  Anche se, va detto, la Spagna non ha realmente diritto di veto, in quanto l’articolo 50 del trattato europeo disciplina l’uscita di uno Stato membro a condizione che l’accordo di ritiro venga approvato non all’unanimità ma da una maggioranza qualificata degli Stati membri. Sanchez però l’ha sempre pensata diversamente. "Gibilterra non fa parte della Gran Bretagna e qualsiasi accordo futuro che comprenda Gibilterra deve essere negoziato con il via libera della Spagna", aveva detto venerdì, minacciando l’opposizione dell’accordo tra l’Ue e il Regno Unito.
Tanto rumore per nulla? Non proprio. Madrid non ha mai accettato la sovranità britannica su quella che considera parte del proprio territorio: un piccolo istmo sulla costa meridionale spagnola che gli inglesi chiamano semplicemente "la roccia", dopo averlo avuto in cessione contro il volere della Corona spagnola nel lontano 1713 con il Trattato di Utrecht. Una situazione che ha portato più volte a tensioni tra i due Paesi, con blocchi alla frontiera, provocatorie esercitazioni militari e schermaglie sul diritto di pesca e accesso all’aeroporto.
Era dunque inevitabile che Madrid avrebbe colto l’occasione dell’uscita della Gran Bretagna dalla Ue per riaprire il dossier.
25.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur