Il fallimento della solidarietà dietro il vertice di Bruxelles
Immagini articolo
I "falchi" sovranisti
che spaccano l'Europa
FRANCESCO ANFOSSI DA ROMA


Dopo l’ultimo vertice di Bruxelles l’Ue potrebbe diventare l’acronimo di Unione degli egoismi. Nel giorno dell’ennesima strage in mare, con oltre cento vittime, di cui molti bambini, l’Europa si spacca, chiude i suoi confini marittimi e sicuramente segna un passo indietro nella gestione e nell’accoglienza dei migranti, liberando le pulsioni populiste e sovraniste che ormai in molti Paesi hanno preso il potere.
Era inutile farsi illusioni solidaristiche vista la distanza enorme tra gli Stati membri sulla redistribuzione dei richiedenti asilo. Se vincono i falchi xenofobi del cosiddetto "gruppo di Visegrad" (Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia) la grande sconfitta è l’Italia, che avrebbe voluto una revisione del trattato di Dublino ed è invece rimasta al palo. Le conclusioni del vertice prevedono infatti che il ricollocamento di chi ha diritto alla protezione internazionale, come richiesto dal gruppo di Visegrad, avvenga su base volontaria. Non accadeva prima quando era su base vincolante, figuriamoci ora. In pratica è stato trasformata in legge la non volontà di farsi carico dei profughi da parte dei Paesi dell’Europa, in particolare da quelli dell’Est, lasciando i richiedenti asilo nel territorio nazionale di primo approdo.
In prima linea dunque restano le nazioni mediterranee: Italia e Spagna in primo luogo. Un successo invece lo hanno ottenuto Francia, Germania e Austria grazie al blocco dei movimenti secondari, cioè dell’arrivo sul loro territorio di chi è sbarcato a Lampedusa e vuole raggiungere le famiglie, indipendentemente dal loro diritto di protezione internazionale. I ricongiungimenti saranno più difficili.
Il principio di "chi sbarca in Italia sbarca in Europa", caro al premier italiano Giuseppe Conte,  è stato formalmente accolto, con la creazione di centri profughi su base volontaria. Ma anche in questo caso non si capisce quale Paese accoglierà la proposta. La Commissione europea dovrebbe anche individuare in un tempo non specificato Paesi terzi dove aprire centri di identificazione di profughi e migranti. Anche in questo caso non si capisce come sarà possibile. La Libia, dove i profughi sono tenuti in situazioni orrende e dove sono perpetrate torture e violenze, non ha nemmeno firmato la Convenzione internazionale sui diritti dell’uomo. E i Paesi dell’Africa sub sahariana non sono molto diversi.
Ma vi sono altri aspetti inquietanti sul piano umanitario dell’ultimo accordo dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea che si è tenuto a Bruxelles. Il primo è l’affidamento alla guardia costiera libica delle operazioni di salvataggio in mare nonostante l’esplicita condanna del Consiglio di sicurezza dell’Onu di uno dei suoi capi, che in realtà era un boss del traffico di esseri umani. Inoltre, in più occasioni, la guardia costiera libica ha sollevato dubbi sulla sua effettiva volontà di salvare i naufraghi. Vi è poi la demonizzazione e la messa al bando delle Ong, le organizzazioni non governative che effettuano salvataggi in mare dopo la fine della missione Mare Nostrum della Marina militare italiana. Finora si calcola che le varie associazioni abbiano salvato 500 mila naufraghi. Ma oggi, grazie anche a un’inquietante campagna di immagine basata su inchieste giudiziarie rivelatesi poi senza alcun fondamento,  i volontari che operano in mare sono trattati alla stregua di "vice scafisti". È facile prevedere che senza il loro lavoro nel Mediterraneo le stragi aumenteranno. Come quella che ha salutato la fine del vertice europeo.
01.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue