Il governo giallo-verde al battesimo del 2 giugno
Immagini articolo
S'ode a destra...
una Nuova Italia
CLEMENTE MAZZETTA


Bagno di folla a Roma per il premier italiano Giuseppe Conte  e per il nuovo governo giallo-verde. E se si ode a destra uno squillo di tromba, dopo la svolta populista e le feroci polemiche dei giorni scorsi, ieri, sabato, tutti appassionatamente si sono stretti attorno al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che neanche una settimana fa i 5Stelle volevano "mettere sotto accusa". Tutto dimenticato, insomma alla festa della Repubblica, dove l’Italia sembrava persino ridiventata un "Paese normale". Anche il neo ministro dell’Interno Matteo Salvini sul bavero della giacca, sotto la spilletta leghista, si è appuntato la coccarda tricolore indossata da tutte le autorità presenti alla sfilata del 2 giugno.
È stata la prima uscita istituzionale del presidente del Consiglio Conte e dei suoi ministri più in vista, Luigi Di Maio e Salvini. Applauditissimi. Il leader leghista ha ribadito il suo punto di vista sui migranti annunciando che partirà per la Sicilia: "Voglio lavorare per migliorare i rapporti con i Paesi da cui arrivano migliaia di disperati per il bene nostro e loro". Salvini si è mostrato conciliante verso i partner europei: "Cosa dico a chi ha paura di questo governo? Che siamo eleganti, sorridenti, democratici".
Di ben altra opinione l’opposizione del Partito democratico. Per il segretario reggente del Pd Maurizio Martina quello di Conte è "un governo di destra, populista con un programma pericoloso per il Paese. Le giornate che abbiamo alle spalle purtroppo confermano le nostre preoccupazioni". Un riferimento ai tre mesi di crisi, la più lunga e rocambolesca vissuta dalla Repubblica dal 1946, con l’Italia che ha assistito incredula a ben cinque giri di consultazioni, due mandati esplorativi, ai presidenti di Senato e Camera, e a due pre-incarichi. Il primo a Conte, il secondo al "tecnico" Carlo Cottarelli, poi messo in stand by. Il tutto inframmezzato da una crisi istituzionale ed economica.
Per la prima, i "5Stelle" chiedevano l’impeachment del capo dello Stato per non aver nominato ministro dell’economia di Paolo Savona, professore euroscettico, proposto dalla Lega. Per la seconda, lo spread saliva oltre i 300 punti. "Saranno i mercati ad insegnare agli italiani come votare", ha commentato il commissario europeo al Bilancio Gunther Oettinger.  Frase respinta sdegnosamente. Però i "5stelle" han deposto le armi, Di Maio è salito al Colle a chiedere scusa e nel giro di 24 ore tutto è rientrato. Savona è stato spostato ad un altro ministero, all’economia è stato nominato Giovanni Tria. Cottarelli ha salutato e Conte è stato richiamato al Colle.
Appena nominato presidente del Consiglio s’è sentito in dovere di tranquillizzare: "Non siamo dei marziani". Ora la fiducia al parlamento. E Silvio Berlusconi ha preannunciato un’opposizione "rigorosa".
03.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole