I nuovi scenari dopo l'accordo tra Lega e Cinque stelle
Immagini articolo
In Italia ha debuttato
un premier "sotto tutela"
FRANCESCO ANFOSSI DA ROMA


Il nuovo governo populista italiano, se nascerà, avrà il volto di Giuseppe Conte, 54 anni, avvocato specializzato in diritto amministrativo a Firenze e a Roma, sconosciuto al grande pubblico, originario di Foggia, nel profondo Sud italiano. Un nome frutto di un accordo tra Movimento Cinque Stelle e Lega Nord, i due vincitori delle elezioni del 4 marzo.
Un uomo solo al comando, nel senso della solitudine, in equilibrio tra Matteo Salvini, segretario della Lega e Luigi Di Maio, leader dei Cinque Stelle, a sua volta espressione del fondatore Beppe Grillo e del suo collaboratore Davide Casaleggio. Salvini e Di Maio hanno messo in mano a questo tecnico prestato alla politica un programma in ventidue punti pieno di buone intenzioni, dal lavoro al reddito di cittadinanza, dalla "flat tax" (due sole aliquote per la dichiarazione dei redditi) a politiche di welfare familiare, fino all’abolizione della legge Fornero sulle pensioni, che aveva innalzato l’età pensionabile. Se applicato, questo programma dovrebbe costare 65 miliardi di euro (oltre 56 miliardi di franchi). Dove prenderà le risorse il "novizio" Conte? Sforando sul deficit e allargando il già ipertrofico debito pubblico italiano, attirandosi le ire dell’Unione europea? Uscendo dal sistema monetario dell’euro?
Da qui le preoccupazioni dell’Europa e soprattutto del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, che gli ha affidato riluttante il mandato di presidente del Consiglio incaricato di quella che con molta enfasi Di Maio definisce "la Terza repubblica".
Vi è poi una questione legata alla debolezza intrinseca del potenziale leader. Conte è un professore universitario senza alcuna esperienza politica, scelto in base alla stima di un componente dei Cinque Stelle. I veri leader del Governo sono Salvini e Di Maio, che infatti si accingono a entrare nella compagine di governo come ministro degli Interni e del Lavoro. Dunque il capo del governo diverrebbe un premier sottoposto ai "diktat" dei due potenti ministri, proprio perché Conte non ha alcun contropotere da opporre. Un’anomalia senza precedenti nella storia d’Italia.
È vero che l’Italia ha una lunga tradizione di premier "tecnici" ovvero non espressi dal Parlamento e dalla politica, ma si trattava di personaggi di alto profilo (i due dirigenti della Banca d’Italia Carlo Azeglio Ciampi e Lamberto Dini, il commissario europeo Mario Monti) che venivano posti sotto l’alta protezione del presidente della Repubblica e godevano di una maggioranza ampia, una sorta di Grossa Coalizione all’italiana. Ma in questo caso il premier incaricato è mal sopportato persino dal Quirinale, soprattutto dopo aver appreso che aveva falsificato il suo curriculum, spacciando per master in prestigiose università straniere (da Harvard a Vienna) banali corsi di lingue.
Ma il vero fantasma che si aggira per l’Europa, destinato a creare scompiglio, è quello del professor Paolo Savona, la mina vagante del governo che Salvini vorrebbe come ministro dell’Economia. Questo 83enne economista ha definito l’euro un "errore storico". La sua teoria è che la moneta unica europea è lo strumento di Berlino per attuare le sue mire espansive, sulla falsariga della Germania nazista degli anni Trenta. Che succederà nei vari Ecofin, gli incontri dei premier e dei ministri finanziari dell’Europa, quando incontrerà Angela Merkel?
Ecco perché il cammino di Conte è un sentiero stretto, con pochissimi margini di manovra, già sottoposto alla tempesta finanziaria dei mercati di tutto il mondo, che non gli credono, e alle perplessità dell’Unione europea e della Chiesa italiana, per via dell’impronta fortemente anti immigrati del programma steso da Salvini e Di Maio. Con lo spread alle stelle e l’incubo della Grecia.
27.05.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta