La Catalogna indipendentista è pronta al voto, ma…
Immagini articolo
Madrid e Barcellona
allo scontro finale
LUIGI BONANATE


La Spagna si prepara a vivere una delle giornate più tese della sua storia recente. In Catalogna, oggi, domenica 1° ottobre, gli indipendentisti sono pronti ad andare alle urne per il voto sul referendum che vorrebbe Barcellona separata da Madrid. Nella regione, però, i seggi sono praticamente tutti presidiati da un imponente schieramento di forze dell’ordine dispiegato dal governo centrale di Mariano Rajoy (che ha incassato, ieri, sabato, l’appoggio della cancelliera Merkel). Anche se gli appelli ad una protesta civile si moltiplicano, i timori per possibili derive violente aumentano di ora in ora. In alcune città spagnole, gli unionisti sono scesi in piazza per protestare contro la volontà separatista catalana, mentre a Barcellona la polizia ha preso il controllo del Centro per le telecomunicazioni, nel tentativo di bloccare le comunicazioni tra gli organizzatori del referendum e gli elettori. Alle 9 i referendisti apriranno le operazioni di voto, anche se non è chiaro dove e come i cittadini potranno esprimere le loro preferenze.

Ci sarà ancora la Spagna, o quella che fino a qualche giorno fa chiamavamo e così, e ora... Il referendum catalano sarà vinto dai catalani: è ovvio, ma la decisione che ne dovrebbe conseguire riguarda l’intero Paese e non soltanto una sua regione. È chiaro a tutti noi che, per avere valore dovrebbe essere approvata o accolta serenamente anche da tutti gli altri spagnoli.
Ma come si può impedire a un "fratello", un amico, un collaboratore, di andarsene perché non vuole più vivere accanto a te? I principi sui quali la stragrande maggioranza di noi (accontentiamoci di riferirci agli europei) è stata allevata ed è cresciuta comprendono al loro interno la libertà (quella che non nuoce a nessun altro), che a sua volta può comprendere anche quello di "andarsene", di arrivare cioé anche alla secessione. Nulla di scandaloso, salvo un singolo ma immenso - addirittura drammatico, potremmo dire - problema: nella storia, le secessioni sono sempre derivate da condizioni di grande disagio, di sfruttamento, di povertà o di oppressione, a cui le parti più deboli tra quelle che vivono in una certa comunità infine si ribellano. Ebbene, quel che succede oggi è che la parte più fortunata della Catalogna, ricca, sviluppata, bella, e affascinante vuole abbandonare i fratelli meno ricchi, meno sviluppati, meno belli e meno fortunati.
Il principio di autodeterminazione ci dice che sì, che nelle separazioni non c’è nulla di male, ma c’è un altro principio, quello di responsabilità collettiva che impone di non tener conto esclusivamente del nostro speciale interesse, ma anche di quello dei vicini e poi anche dei lontani. Rispetto a decisioni gravide di conseguenze come questa, dobbiamo allora preliminarmente dotarci di un parametro che ci consenta di giudicare equanimemente le varie possibilità. Questo principio si chiama "democrazia" (come costume e non semplicemente come sistema elettorale), e nella sua declinazione si chiama nonviolenza. Il limite che la lotta politica, per quanto passionale e appassionata, non può mai superare è quello dell’accettazione reciproca, dell’accoglienza delle idee altrui, che non per questo dovranno essere subite, ma confrontate, comparate e pacificamente giudicate.
Quel che tutto il mondo vede in questi giorni della tensione crescente tra governo centrale spagnolo e spagnoli-catalani non è rassicurante: da una parte, Rajoy ha dalla sua il diritto che viene dalla Costituzione nonché dalla storia unitaria del Paese; i catalani hanno la forza di realizzare una loro specifica e distinta identità. Chiediamoci allora: se nessuna delle due parti fa un passo indietro, o meglio, a lato, si arriverà allo scontro. In astratto, il governo potrebbe persino ricorrere legittimamente alle forze armate per sedare quella che gli appare una sedizione, ben più che una separazione. E dall’altra: sono sicuri i catalani che questa loro attuale radicalità sia storicamente sensata, che in un mondo in cui lo sviluppo sociale, culturale, economico e finanziario va verso le unificazioni, la loro indipendenza (la formazione di un nuovo stato) li avvantaggerà e li soddisferà? Gli "spagnoli" diverranno "stranieri" per i catalani? Siamo in realtà sull’orlo di un paradosso. Soltanto una storia di odio reciproco, di violenza sociale e scontri continui potrebbe giustificare oggi azioni estreme.
I catalani hanno il diritto di andarsene, ma anche il dovere di non fare del male a nessuno.
l.b.
01.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel