Come il terrorismo allarga i confini della paura globale
Immagini articolo
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
GUIDO OLIMPIO


Il terrorismo ha colpito ovunque. Abbiamo avuto vittime in Australia, in Canada, a Parigi. Capitali e città importanti, come Manchester. Piccole località. I copti egiziani. Gli sciiti iracheni. È un’eversione diffusa, senza troppe gerarchie, che si affida spesso all’iniziativa del singolo oppure ad un gruppo ridotto di individui. Ecco perché il prossimo fendente potrebbe arrivare in qualsiasi punto del globo. Ma è evidente che vi sono aree più esposte.
Gli europei si trovano sulla linea del fronte, l’ultimo proclama dell’Isis esorta a nuove stragi durante il Ramadan. Francia, Belgio e Germania hanno problemi seri, sono sotto una minaccia costante. Situazione legata ad una serie di fattori. Un alto numero di jihadisti sia all’interno dei confini che nel Califfato. E alcuni ricoprono posizioni importanti nella struttura di comando che - ricordiamolo - è piuttosto flessibile e non rigida ma è in grado di attivare uomini e pescarne altri, magari a distanza, via web. Azione favorita dalle tensioni sociali, dalla presenza di quartieri problematici, dalla questione dell’immigrazione. Sono quelle fratture dove gli estremisti si infiltrano, spesso usando il flusso dei profughi. La "fotografia" ci mostra una realtà doppia: accanto all’elemento semplicemente ispirato e pronto alla violenza, ci sono strutture più organizzate. Solo il tempo dirà se prevarrà il primo scenario o vedremo, invece, repliche del massacro Bataclan. Non è diversa la situazione della Gran Bretagna, vittima fin dagli anni 2000 di diversi episodi. La strage al concerto non è purtroppo una sorpresa. C’erano le condizioni "ideali". Londra è da sempre il miglior alleato degli Usa e tanti dei suoi giovani, cittadini d’origine asiatica e mediorientale, hanno abbracciato prima il radicalismo, quindi la lotta armata. Salem Abedi è la sintesi: anglo-libico, con legami in Libia e in Siria, ritorna a casa per mettere in atto il suo piano.
Le misure di sicurezza adottate negli Stati più a rischio potrebbero spingere l’Isis - ma anche al Qaeda, sempre viva e determinata - a cercare altri sbocchi. Il terrorismo è anche una questione di opportunità, di varchi che si aprono. Il "quadrante" nord del Vecchio Continente (Olanda, Danimarca, Svezia, Lussemburgo) è già stato toccato dai criminali, eventi minori che rappresentano però un indizio di un magma pronto a esplodere. La Svizzera, dalla quale sono partiti una sessantina di "volontari", non è da meno. I controlli ai confini probabilmente sono un ostacolo. Parziale. Se sei cittadino è dura fermarti. L’Italia, invece, ricade in un quadro particolare. La sua posizione geografica e la facilità di recuperare documenti puliti l’hanno trasformata in uno snodo logistico. L’arrivo dei barconi dalla Libia rappresenta non solo un giro d’affari che un eventuale attentato metterebbe a rischio ma anche una rotta importante. La penisola è usata per entrare ed uscire: le indagini hanno mostrato come diversi membri Isis l’abbiano percorsa per raggiungere, via terra, Grecia, Turchia, Siria. Però non bisogna farsi illusioni: è sempre possibile che un "soldato del Califfato" risponda all’appello ad attaccare. Ossia qualcuno non organico al movimento, ma che uccide nel suo nome. Scenario che possiamo applicare alla Spagna, dove agiscono molti "pifferai magici" che spediscono uomini e donne a combattere. L’enclave africane di Ceuta e Melilla, la costa sud e la stessa Madrid sono tenute sotto osservazione. Da non sottovalutare la "spina" balcanica, con simpatizzanti albanesi e macedoni, talvolta con connessioni italiane.
Lo Stato islamico e i qaedisti potrebbero cercare di sfidare l’amministrazione Trump. Il nuovo presidente Usa sta blindando ulteriormente le frontiere, ha introdotto nuove misure per il trasporto aereo (bando di tablet-portatili su alcuni voli), ha promesso una lotta implacabile. La risposta dei nemici potrebbe arrivare da killer simili a quello di San Bernardino e Orlando, assassini in grado di fare danni.
28.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano