Liliana Segre
Immagini articolo
"Testimoniare l'orrore
perché non si ripeta"
FRANCESCO ANFOSSI


Liliana Segre, 89 anni, senatrice a vita per i suoi alti meriti di testimone della memoria dell’Olocausto, si definisce semplicemente una "nonna piena di interessi", con i suoi tre figli e i suoi tre nipoti. Lei è il simbolo del dolore. È una signora della borghesia milanese, schiva ed elegante. Il suo appartamento, luminoso e raffinato, ingombro di foto, di fiori e di piante, non è molto lontano dall’indirizzo della casa di famiglia di Corso Magenta 55, dove un giorno del 1945 Liliana tornò quindicenne, orfana, completamente sola, tutta pelle e ossa (pesava 32 chili). Era sopravvissuta a quattro campi di sterminio: Auschwitz-Birkenau, Jugendlager e Malchow. Aveva perso l’amatissimo padre i nonni paterni (titolari di una ditta di tessuti industriali) e quattro cugini. Sul braccio, la matricola di Auschwitz 75.190. "A ben vedere - racconta - di nipoti non ne ho solo tre, ne ho migliaia, perché non ho fatto altro che girare per le scuole di tutta Italia per testimoniare l’orrore, affinché non si ripeta mai più".
Nel 1938 Mussolini firma le leggi razziali e Vittorio Emanuele Terzo le promulga. Liliana ha otto anni. Deve andare in terza elementare ma per lei le porte della scuola elementare Ruffini si chiudono. "Fu mio padre a darmi l’annuncio in lacrime. In strada le mie compagne mi additavano a vista. L’indifferenza è una straordinaria incubatrice dell’odio, lo dico sempre ai ragazzi. L’odio e il razzismo arrivano quando si anestetizzano le coscienze, bisogna vigilare. Oggi il contesto storico è molto diverso e non bisogna lasciarsi prendere da analogie troppo affrettate, ma l’indifferenza verso la condizione di tanti migranti in fondo è la stessa.  So cosa vuol dire essere clandestina e richiedente asilo".
Quando iniziano le deportazioni la famiglia Segre viene nascosta come Anna Frank grazie da due coraggiose famiglie in una casa del Varesotto. Poi, nel 1943, il tentativo di fuga in Svizzera. Al confine però i Segre vengono presi da una guardia elvetica e portati alla gendarmeria di Arzo. Dopo un breve interrogatorio sono rispediti indietro. Nel tragitto di ritorno vengono intercettati da un gruppo di finanzieri italiani in camicia nera. Padre e figlia finiscono nel carcere milanese di San Vittore per 40 giorni. Poi vengono deportati ad Auschwitz e divisi: non si rivedranno mai più.
Nel 2019 avviene qualcosa di inquietante. Quando il 30 ottobre scorso al Senato viene istituita la commissione "bipartisan" contro l’odio e  il razzismo, affidando alla Segre la presidenza, le forze di minoranza  (Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia) si astengono in nome di una pretesa libertà di espressione. Pochi giorni dopo il sindaco di una città del Piemonte rifiuta di concederle la cittadinanza onoraria e la conferisce all’attore cabarettista Ezio Greggio, che la rifiuta memore di suo padre prigioniero in un lager (il sindaco poi si pentirà pubblicamente del suo atto). E se non bastasse, in questo clima, la Segre diventa oggetto di pesantissime minacce antisemite, al punto che le viene assegnata una scorta. La società civile e politica italiana però reagisce. Non si contano le proposte di cittadinanza onoraria (Modena, Prato, Livorno, Firenze...), i premi, i riconoscimenti  e perfino la proposta di assegnazione del Nobel per la pace. Su tutto, l’imponente marcia guidata da 600 sindaci d’Italia che il 10 dicembre ha attraversato le strade di Milano. Lei, al solito, si schernisce: "Il Nobel della pace datelo a chi lo merita. Io sono soltanto una testimone della memoria: ho un fitto programma di incontri con gli studenti per il 2020, non solo in Italia, anche in Europa". Intanto chi l’ha proposta per il Nobel per la pace non si ferma. E chissà che non la si veda tra gli accademici di Stoccolma il prossimo anno a ritirare il premio in memoria della Shoah. In un’Europa che ha spesso inquietanti vuoti di memoria.
22.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00