function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Cristina Milani
Immagini articolo
"A cinici e arroganti
insegno la gentilezza"
FEDERICO BASTIANI


Cristina Milani è psicologa, scrittrice e imprenditrice svizzera. Presidente del World Kindness Movement e fondatrice dell’organizzazione no profit Gentletude Switzerland. Cristina ha trascorso buona parte della sua vita all’estero, ha conseguito un master alla Cornell University in marketing delle comunicazioni ed ha lavorato per undici anni nella "Grande Mela". "Viaggiavo tanto e quando tornavo, in Ticino e a Milano, dove avevo base, notavo un cambiamento. Persone sempre più fredde, ciniche, arroganti. Mancava gentilezza e empatia nella nostra società e così ho pensato di fare qualcosa. È nata Gentletude".
Il 13 novembre si è svolta la Giornata mondiale della  gentilezza e per l’occasione Milani ricorda delle semplici regole per avvicinarsi alla gentilezza: fare la cosa giusta, non sprecare tempo, lasciarsi scivolare le emozioni negative e cercare ogni giorno di trovare un nuovo amico. L’associazione Gentletude si occupa di diffondere il concetto dell’empatia perché l’essere umano è fondamentalmente altruista solo che spesso lo dimentica. Organizza convegni come quello che a inizio ottobre ha portato il popolo dei gentili, numeroso, a Lugano per il convegno biennale organizzato dal World Kindness Moviment. Inoltre, va nelle scuole per sensibilizzare sul tema.
"Vogliamo avvicinare i bambini alla gentilezza puntando su valori quali la riconoscenza ad esempio". Difficile pensare che la gentilezza sia innata, il detto medioevale "mors tua vita mea" è la prova. "Non è del tutto vero se pensiamo agli studi del neuroscienziato Rizzolatti che già nel 1992 individuò i neuroni specchio ovvero se vediamo qualcuno compiere gesti di altruismo siamo portati a fare lo stesso". Secondo la dottoressa Milani il problema di fondo della nostra società sono il multitasking, disattenti verso il mondo, e la fretta. Oggi è già domani e la gentilezza invece richiede tempi lunghi, va coltivata. Il consumismo non ha aiutato a coltivare la gentilezza, siamo impegnati ad accumulare beni o risorse, una società sempre più individualista che dimentica che la vera ricchezza è il tempo.
Alla base della gentilezza, che non è semplicemente il buongiorno e buonasera, c’è l’empatia verso l’altro, un sentimento che è sempre più difficile coltivare. Quando vediamo un mendicante, un extra comunitario in situazione di difficoltà dovrebbe scattare l’empatia. Invece molto spesso la soffochiamo sotto messaggi, slogan (gli immigrati rubano il lavoro, gli immigrati sono un costo per la società...). Lo psicologo israeliano Kahneman nel suo best seller "pensieri lenti e veloci" individua due parti nella nostra mente. Quello che reagisce d’impulso e quello che invece va ad analizzare quel pensiero, modificandolo o avvalorandolo. "Il consiglio che mi sento di dare per evitare questi conflitti interiori che possono bloccare la gentilezza, è fare un’analisi attenta degli stimoli che si ricevono e soprattutto stare lontani da tutto quello che può ‘inquinare’ il nostro pensiero, come le persone lamentose, negative".
Il World Kindess Movement nasce in Giappone, dove la gentilezza è un’etichetta sociale e Milani, nel suo libro "La forza nascosta della gentilezza", trova molte similitudini fra il Paese del Sol Levante e la Svizzera. "Entrambe basate sul fare, sull’agire e meno sulle emozioni. In Svizzera convivono quattro culture diverse, il 25% della popolazione è straniera, eppure viviamo in pace da settecento anni, com’è possibile? Perché in Svizzera si media molto, si discute. Se pensiamo agli assetti mondiali odierni, la Svizzera è un esempio per tutti".
17.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00