Barbara Bouchet
Immagini articolo
"Per pagare i debiti
ho raccolto cotone"
MARINA CAPPA


C'è solo un momento in cui dalla leggerezza passa alla tristezza. È quando dice che "ieri sono andata a vedere C’era una volta a… Hollywood". Che cosa c’è che non va nel film di Tarantino? "C’è la storia di Sharon: era la mia migliore amica, tutte le sere ero a casa sua, ci divertivamo. Quella notte però, non ricordo perché, io non c’ero".
Barbara Bouchet sta parlando di Sharon Tate, l’attrice che nell’agosto del 1969 fu massacrata dalla banda di Charles Manson. Per un gioco del destino, lei fu risparmiata. E adesso è qui, a 75 anni, felice di essere stata incoronata del festival CortoLovere "Signora del Lago" (d’Iseo). A parte quel ricordo drammatico, l’attrice mostra un carattere radioso. Anche mentre ricorda quando arrivò dall’Europa in California, perché la mamma aveva deciso di trasferirsi con tutta la famiglia. "Ma per risarcire l’uomo che ci aveva pagato il viaggio ho raccolto cotone per anni. Ero una migrante bianca dodicenne, ogni giorno piegata nei campi, a quell’età però è più facile affrontare le cose con leggerezza. Certo, adesso mi capita di ripensarci quando vedo queste persone che oggi arrivano sui barconi...".
Dai campi di cotone a Hollywood il passaggio è avvenuto presto. E così Bärbel Gutscher, nata in Cecoslovacchia e cresciuta in Germania, è diventata Barbara Bouchet, ha recitato da aliena in Star Trek, è stata la segretaria di Bond in Casino Royale, ha incontrato tutti i grandi del cinema e amoreggiato con molti. Omar Sharif, per esempio. "Perché ci siamo lasciati? Lui non voleva quadri né soprammobili, a me sembrava un ospedale e sono scappata. Oggi a casa mia, a Roma, non c’è un buco libero sul muro".
L’attrice vive in Italia da anni. Qui la sua carriera ha avuto una svolta sexy. "Non ho mai avuto problemi a spogliarmi. Forse perché dormivamo tutti insieme, con i miei fratelli non c’erano pudori". Anche la gelosia non l’ha toccata. Il marito, Luigi Borghese, napoletano, assicuratore che diventò produttore delle sue sexy commedie, "era di vedute larghe". Oltre che padre dei suoi figli, Alessandro, chef e amato personaggio televisivo, e Massimiliano, detto Max.
Arrivati i 40 anni, Barbara ha però deciso di cambiare, ha aperto una palestra e ha smesso di spogliarsi per il cinema. Ma adesso che "risorgerà" nel sequel di Milano calibro 9, tornerà a danzare come allora in bikini intorno al palo? "No. Però, anche se tutti sono convinti che nel film io muoia, in realtà ero solo stata tramortita da un cazzotto". Più viva che mai, l’attrice a Natale comparirà in Tolo Tolom, prima regia di uno Zalone "simpaticissimo anche se un po’ nervosino".
"La mia carriera oggi è passata da sex symbol a nonna", dice ridendo. Anche perché è una nonna dall’aspetto ben più giovane della sua età, dai capelli curatissimi (non a caso, "se non avessi fatto l’attrice, mi sarebbe piaciuto essere parrucchiera o estetista") e un’eleganza impeccabile, secondo il mantra: "Devo sempre abbinare i colori, dei vestiti e degli accessori, e indossare grandi orecchini: non immagina quante paia ne abbia".
Della nonna però le manca una qualità: "La prima volta che cucinai a mio marito, un pollo in agrodolce, a fine cena andò dalla cameriera e le disse: non faccia più entrare la signora in cucina. Da allora ha sempre fatto lui". Eppure vostro figlio - Alessandro Borghese - è diventato uno chef famoso oltre che pesonaggio televisivo. "Già, ma non mi prepara niente, dice che con me il suo talento sarebbe sprecato".
20.10.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00