function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Maria Grazia Chiuri
Immagini articolo
'La mia moda? È pop
e aiuta il cambiamento'
ROSELINA SALEMI


Coco Chanel era sicuramente femminista senza saperlo. Maria Grazia Chiuri, 55 anni, sposata, due figli, direttore artistico di Dior dal 2016, e indiscutibile talento creativo, invece lo sa. Al punto da riscoprire il ‘78, che riassume un decennio di riflessioni sul corpo e sul linguaggio, la ribellione alla società patriarcale e ai suoi modelli, alla casalinghitudine, all’oppressione, alla disuguaglianza. Tutto questo, oltre alla mostra, "Il Soggetto Imprevisto. 1978-Arte e Femminismo in Italia", è finito (anche) in passerella. Dior ha ospitato a Parigi l’artista Bianca Pucciarelli, vivace ultraottantenne che si è ribattezzata (per protesta) con lo pseudonimo maschile di Tomaso Binga, ha reso omaggio all’attivista americana Robin Morgan con t-shirt come "Sisterhood is Powerful. E ha aperto una strada. "La moda è pop - spiega - può far arrivare un messaggio molto velocemente, in maniera diretta, semplice. Può sostenere il cambiamento. In fondo parla del corpo, rappresenta la libertà di espressione".
E Chiuri si racconta: "Sono arrivata da autodidatta, un corto circuito, due figli grandi, l’incarico da Dior, il bisogno di uno sguardo al femminile, di una riflessione di genere. Ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia d’impronta matriarcale. Mia nonna, rimasta vedova, ha cresciuto da sola i figli, e si è pure risposata, e mio padre ha sempre aiutato mia madre in casa, senza fare distinzioni. Ho lavorato da Fendi, marchio gestito da cinque sorelle. Non ho mai avuto la sensazione di dover rompere regole precostituite. Non mi aspettavo tutto questo clamore. L’eccezionalità per me è stata l’essere stata chiamata da Dior, non il fatto di essere una donna alla guida di Dior".
Maria Grazia Chiuri, che ha ricevuto la Legion d’Onore, massima onorificenza della Repubblica francese dopo la sfilata Haute couture 2019-2020, è una bionda pragmatica, energica, sorridente, che non corrisponde a nessuno dei cliché sulla creatività nevrotica della moda. Ed è sicura che non è solo una questione di gonne lunghe o corte, di ricami e orli, ma di politica, anche se c’è chi vorrebbe ridurre il tutto a semplici frivolezze. "Nelle scuole ti insegnano a fare un abito, non a riflettere su quello che c’è oltre. Ho seguito un mio percorso, l’istruzione me la sto facendo giorno dopo giorno. Bisogna continuare a studiare e credo che sia il momento di una riflessione doverosa. Il libro di Linda Nochlin, "Perché non ci sono state grandi artiste?" andrebbe fatto leggere alle elementari. Mi sforzo di essere attenta e di creare una moda che somiglia alle donne di oggi, che sfugga agli stereotipi maschile/femminile, giovane/meno giovane, ragione/sentimento".
La nomina da Dior ha fatto sensazione. "Quando tutti si dicevano sorpresi, io continuavo a chiedermi perché mai. Osservando le reazioni si è innescato un processo di autocoscienza. Ma l’autocoscienza comincia in casa, dai nostri figli, dalle femmine e dai maschi. La moda spesso non si è resa conto di parlare del corpo e della sua rappresentazione, e anche per mancanza di basi culturali, non ha capito che c’era di più. Per esempio, io ho cercato fotografe, perché se devo parlare di femminilità, voglio che le donne guardino altre donne e sembrava non ce ne fossero. Ma c’erano. Ho scelto fotografe messicane, americane, inglesi, Dior me l’ha permesso e gliene sono grata. Poi, per via di una mostra, ho scoperto Bianca ed è nata un’amicizia". Per chi con la conoscesse, Bianca-Tomaso scrive poesie come "Par Condicio!: "Tu hai tradito me/Io ho tradito te/Par condicio! Par condicio!/Tu hai tradito me/Io ho tradito te/Equità equità! / E qui t’ammazzo!".
E poi non dite che la moda non è politica.
01.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00