Carolina Crescentini
Immagini articolo
"Sono romanticissima
e anche un po' zen"
ROSELINA SALEMI


Carolina Crescentini è instancabile. Su Rai3 racconta la storia di Krizia, signora della moda, nella serie "Illuminate". Su Rai1 è alla sua seconda stagione dei "Bastardi di Pizzofalcone", dove è Laura Piras, "pm tosta che non firma scartoffie, ma ottiene i casi e si fa rispettare in un mondo tutto di maschi", eppure vola con il pensiero verso New York ("la città dove vorrei vivere, così carica di energia") o verso la Nuova Zelanda. E soprattutto, ti spia con uno sguardo da ragazzina curiosa (chi direbbe che ha 38 anni?) e prende appunti per il libro di racconti che pubblicherà. Inquieta? "Sì, sempre. Un po’ come Laura. Solo che lei viene da un’altra città, è sola e deve nascondere la sua storia con l’ispettore Lojacono. Io invece sono piena di amici, che sono anche la mia famiglia. Io non aspetto che le cose succedano, le faccio succedere. E la mia vita non ha un copione".  
Però ha un binario, il lavoro, un fidanzato musicista, Francesco Motta. Quasi uno standard, come calciatore più velina? Ride: "Nooo, non vado a cercare i musicisti. È capitato che il mio ex lo fosse. Io sono tutto tranne che standard. Ho incontrato persone che mi hanno fatto innamorare, tutto qui. Sono iperemotiva, mi lascio travolgere da casini di qualunque tipo. È divertente il casino. Zero tristezza". Pur vantandosi della sua indipendenza, sostiene che "in due è meglio, è più emozionante. Guardare l’alba, ballare a Cuba in mezzo alla gente, a cavolo, non sapendo i passi… L’abbiamo fatto davvero, io e Francesco". La sua vita le piace, anche con gli alti e bassi, le incertezze, i punti interrogativi: "Ho scelto la precarietà, di lusso, ma precarietà. Sei perennemente in giro, puoi stare sul set dalle sei di pomeriggio alle tre di notte o dalle cinque del mattino in poi, ti svegli e non sai nemmeno dove ti trovi. Io a 25 anni già lavoravo e non mi sono mai chiesta: cosa ne sarà di me? È un mestiere, e c’è del bello in tutti i mestieri. Ho letto dei netturbini che hanno creato una biblioteca con i libri buttati via. È la passione che ci salva".
Lei di passioni ne ha tante. Viaggiare scrivere, girare un gran bel film ("ne ho fatti, ma non ho mai lavorato con Silvio Soldini, per esempio"), cedere alle piccole vanità come la moda: "Ho una quantità di scarpe che quasi mi vergogno, certe non le metto da sei anni, ma un giorno potrei… C’è il tacco alto, lo stivaletto, il sandalo, la ciabattina. Ho smesso di contare le borse. Mi dico basta, ma poi ci ricasco. Finirò in una di quelle terribili trasmissioni sugli accumulatori seriali". Roba da analista? "Macché, mi ha sempre riso in faccia, dice che gli offro poco materiale, meglio così".
Carolina Crescentini somiglia a una di quelle caramelle dure fuori, con il cuore morbido. "Sono romanticissima dentro - ammette - ma non mi vestirei mai da bomboniera. Seguo l’umore, sono più sul look maschile e ogni tanto ho una botta da femmina, una gonna a tubo sexy. L’abito da sera con lo spacco e le paillettes per andare al ristorante col mio fidanzato, quello no. Mi direbbe: sei pazza? Per quanto, riflettendoci, abbinato a uno stivaletto…". C’è un lato femminista che viene fuori chiacchierando: "Vedo disparità, sempre e ovunque. Certe volte mi parte l’embolo sui discorsi sessisti e faccio sfuriate pazzesche. Vedo le mie amiche trattate male nella maternità e lo trovo ingiusto. Bisogna cambiare. Metoo è stato importante per fermare i predatori seriali, bisognava dirlo".
E c’è anche un lato zen: riflessologia plantare, antistress, oli essenziali, fughe da tutto appena può ("quando ho cinque giorni scappo verso l’altrove"). E c’è, onnipresente la tecnologia, schiavitù e necessità. "Non sono hi -tech ma lo sto diventando. Whatsapp è fantastico per comunicare con gli amici dall’altra parte del mondo. Gli snap li lascio agli adolescenti. Certo, sono esposta. Chiunque può dire qualcosa su di me. Non ne posso più delle battute sulle occhiaie, un classico. Ma è la mia faccia e me la tengo. A volte mi dico pure: non sei niente male… Che bella l’autostima!".
16.12.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Norvegia:
sparatoria
in moschea

Myanmar:
morti
e sfollati
per le alluvioni

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00