Stefano Vassere
Immagini articolo
"Noi ticinesi parliamo
un buon italiano"
CLEMENTE MAZZETTA


I ticinesi parlano un italiano migliore di quel che pensano", dice Stefano Vassere, 56 anni, direttore del sistema bibliotecario ticinese, nonché delle quattro biblioteche cantonali, Lugano, Bellinzona, Locarno e Mendrisio. Un’enorme macchina della cultura, che mette a disposizione oltre due milioni di libri (1.378.400 nel catalogo cantonale e 768.600 in quello scolastico). Con un vorticoso giro di prestiti: 382.500 nell’anno passato. Praticamente un libro a testa per ogni ticinese. Sarà forse per questo che l’italiano parlato in Ticino, nonostante i "debarcadero", le "riservazioni", i "rolladen", i "bilux", ha una sua precisa identità. Dovendo molto - e magari ora si dimentica - anche alla televisione di Comano, alla funzione "educativa" in particolare della prima tv in bianco e nero. "Da un punto di vista fonetico, l’intonazione, la lingua parlata in Ticino s’avvicina molto allo standard. Un italiano senza eccessive inflessioni, come potrebbe essere il romanesco o il toscano moderno", aggiunge Vassere, che ha alle spalle un dottorato di linguistica all’università di Zurigo, dove è stato assistente per parecchi anni. Una passione che "mantiene" con una docenza all’università di Milano insegnando semiotica e teoria dei linguaggi.
Tuttavia, non si può non sorridere sui congiuntivi approssimativi, sugli anacoluti involontari, sugli strafalcioni disseminati qua e là, soprattutto dai politici nei dibattiti televisivi, nei talk show. "Parlare male, maltrattare i congiuntivi, è ormai un messaggio esplicito nella comunicazione politica. Una modalità diffusa per interagire con il pubblico, per farlo sentire sullo stesso piano. Si evita di parlar forbito: si parla come la gente". Ricorrendo anche al turpiloquio, nell’intento di rafforzare il concetto. Ormai l’uso scorretto dell’italiano è sempre più una modalità di comunicazione vincente. Lo sosteneva già Umberto Eco nella sua fenomenologia di Mike Bongiorno, esempio vivente e trionfante, scriveva, del valore della mediocrità.
Vassere, più interessato al linguaggio legato alla sfera cognitiva, ai rapporti con la neurologia che a quello sociologico, entra nella "cronaca" del canton Ticino circa di trent’anni fa. Nel 1990. Ha 28 anni, quando con Alessio Petralli (35 anni) altro linguista,  lancia sull’inserto culturale di Libera Stampa, il quotidiano del partito socialista, un appello sulla necessità di costituire una università della Svizzera italiana. Un vero e proprio manifesto firmato da intellettuali di ogni fronte politico, che avvia un dibattito intenso. "Pubblicammo anche tre libri sulla questione universitaria: li presentammo in giro con un notevole successo. Ricordo una serata con l’aula della biblioteca di Lugano stracolma, con la presenza del vescovo, di un paio di consiglieri di Stato, fra cui Giuseppe Buffi. Fu una stagione intensa".
Tanto che nel giro di cinque-sei anni si arrivò all’istituzione della università ticinese, con la prima facoltà di architettura a Mendrisio. Il resto è storia nota. Trent’anni dopo troviamo Vassere - che nel frattempo ha diretto il Repertorio toponomastico ticinese pubblicando una sessantina di monografie dedicate ai nomi dei villaggi ticinesi - al vertice del sistema bibliotecario cantonale. Confrontato con la crisi del libro, la crescita del digitale, le trasformazioni sociali. "Nonostante tutto i prestiti tradizionali sono costanti - osserva -, mentre stanno aumentando gli accessi alla nostra piattaforma digitale sia per i quotidiani, gli ebook e gli audiolibri". Notevolissima resta poi l’attività di incontri, le serate culturali sui temi più disparati. "Vista la partecipazione, che aumenta di evento in evento, mi pare di poter dire che rimaniamo un ente culturale importante. Con un impatto consistente sul Paese".
cmazzetta@caffe.ch
13.05.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin