Toni Servillo
Immagini articolo
"Sul mio volto vedete
tutte le mie scelte"
STEFANO VASTANO


Giacca in tweed, jeans e occhiali con lenti scure su un volto fermo, statuario quasi, visto i tanti indimenticabili ruoli. Nella parte dell’eterno Andreotti, ad esempio, nel Divo di Sorrentino. Nel ruolo del cupo ragioniere della camorra, in Gomorra. O nel più cinico Jep Gambardella, il personaggio forse più intrigante in cui Toni Servillo sia mai entrato. Per questo la prima domanda, durante un incontro a Berlino - dove è venuto per una rassegna dedicatagli dall’Italian Film Festival "per spiegare ai ragazzi dell’università cosa significhi recitare e leggere Pirandello" - è cosa significhi per lui il volto. "Può essere uno strumento sul quale si applicano giustapposizioni tecniche per rendere il personaggio - risponde -. Ma, come aspetto esteriore, è la cosa che mi interessa di meno nel mio mestiere".
Affermazione strana per un grande attore che con quel suo viso enigmatico ha spuntato tanti Donatelli, Nastri d’argento e Golden Globe. "Più importante è un volto che si mostra lentamente, con moderazione, poco a poco al pubblico nel corso di una carriera", aggiunge. È proprio così che abbiamo scoperto tutte le risorse del profilo apparentemente chiuso, ermetico e severo di Servillo: lentamente, dalla tragica figura dello scienziato Renato Caccioppoli nella Morte di un matematico napoletano al più sciolto Gambardella o ad Elia, il non più giovane psicoanalista di Lasciati andare. "A me interessa quel che si deposita nel volto di un attore come risultato delle sue scelte e di ciò che ha cercato di comunicare nella sua relazione col pubblico". Se c’è una figura agli antipodi di questo dotto napoletano è quella del romano Carlo Verdone. "Un attore che stimo - dice - e che appartiene all’antichissima tradizione di maschere della commedia dell’arte e che ha fatto del funambolismo mimetico uno dei suoi motivi più affascinanti".
No, Servillo non viene da questa tradizione, né si può dire che sia attore schiettamente comico: "Non ho regalato tanta gioia comica agli spettatori come Verdone, lui allontana la tristezza dal mondo, io con alcuni personaggi forse l’ho aggiunta!". Basti pensare a quell’oscuro senatore che ha rappresentato nella Bella addormentata, uno dei capolavori di Marco Bellocchio. Gioia o tristezza a parte, sin dall’inizio tutti i suoi personaggi "vanno al di là del folclore e con la nostra compagnia Teatri Uniti abbiamo sempre pensato di praticare con la stessa passione teatro e cinema. Il personaggio di Caccioppoli ad esempio è un intellettuale di una Napoli legata a impegno politico". Spiazza quindi che dopo tanti film impegnati sia scivolato in Lasciati andare, nei panni dell’analista di mezza età dietro alle stramberie di una giovane trainer. L’ha fatto per dimostrare che riesce bene e a far ridere anche in una commedia? "È stata la prima volta che dopo tanto cinema engagé mi sono messo alla prova con un personaggio più leggero, anche se non decisamente comico. Già con il commissario Sanzio ne La ragazza del Lago ho fatto al cinema il personaggio che più somiglia ai personaggi del teatro di Eduardo".
La differenza insormontabile tra cinema e teatro resta sempre la stessa: "Il teatro è vita condivisa, la vita nel momento in cui accade e che non torna più". Per lui è stato il 2008, anno del Divo e di Gomorra. "Un’esperienza bellissima perché sono usciti insieme al festival di Cannes e insieme hanno vinto". Momento esaltante anche per il cinema italiano. "Sorrentino e Garrone raccontando temi scottanti legati alla vita sociale del nostro Paese, e con un nuovo linguaggio, intercettavano l’interesse del pubblico italiano e di quello internazionale". Staremo a vedere se anche il nuovo film di Sorrentino - Loro, sulla figura di Berlusconi - susciterà altrettanto interesse, regalandogli altri momenti di gioia.
26.11.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
23.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2018
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Francia
in piazza contro
le riforme
Macron

Colombia
al voto
nella stagione
post guerriglia