Emanuele Carpanzano
Immagini articolo
"I lavori più brutti
li faranno i robot"
MASSIMO SCHIRA


i definisce "genericamente ottimista" e non gli dispiacerebbe essere tra i giovani che inizieranno a lavorare fra trent’anni. Perché, spiega, in futuro molte professioni "brutte", usuranti e noiose, le faranno le macchine. Quindi l’essere umano potrà puntare maggiormente sulle sue peculiarità, come la creatività. Parlare di rivoluzione digitale in Svizzera con Emanuele Carpanzano, 46enne direttore del Dipartimento tecnologie innovative alla Supsi, è fin troppo facile. Perché è il "suo mondo". E, lui, fa scorrere le parole come un fiume in piena. "Per definizione questa rivoluzione è un fenomeno globale, che sta ulteriormente evolvendo portando a cambiamenti profondi - spiega -. Ma non è una novità, è un processo di cui si parla da decenni. Temi come gli algoritmi, l’industria digitalizzata o automatizzata, l’intelligenza artificiale non sono nuovi. Il fatto è che i cambiamenti sono più veloci".
A livello globale, un po’ tutti gli Stati si stanno interrogando su quale sia la via giusta da seguire su questa "autostrada digitale". "Bisogna partire dal fatto, che di cambiamenti ne abbiamo già visti e vissuti tanti - aggiunge Carpanzano -. Basti pensare alle tecnologie quotidiane: i telefonini, la tivù, le lavatrici programmabili,… All’orizzonte ce ne sono di nuovi, certo, ma non credo che peggioreranno la qualità della nostra vita. Anzi. Bisogna però essere bravi a reagire. Perché in questo processo in corso ci sono ulteriori cambiamenti in atto. Con opportunità e anche con qualche potenziale problema". Si parla spesso, ad esempio, del profondo cambiamento che attende il mercato del lavoro. Con alcuni settori che potrebbero veder sparire oltre il 50% dei "lavori tradizionali", con tutte le conseguenze socioeconomiche del caso. Carpanzano, però, resta ottimista. "Paesi come la Svizzera partono da una posizione di sicuro vantaggio dal profilo formativo, per il bagaglio culturale, per l’innovazione, per il sistema in generale - osserva -. Certamente bisognerà stare attenti a mantenere alta la guardia dal profilo del sostegno sociale, soprattutto se ci saranno persone alle prese con problemi determinati da questa evoluzione. Ma è necessario prepararsi a cogliere le opportunità, senza inutile fretta, puntando a fare le cose per bene. La sensazione è che qualche equilibrio sarà certamente scombussolato, ma anche che a medio-lungo termine ci saranno benefici dal profilo della ridistribuzione della ricchezza, delle competenze e delle conoscenze". D’altra parte, sottolinea Carpanzano, la storia stessa dell’uomo-lavoratore insegna come i cambiamenti sono stati numerosi. "Già Aristotele nel IV secolo avanti Cristo diceva che le macchine avrebbero rubato il lavoro all’uomo - dice -. Infatti una casalinga per svolgere il volume di lavoro che svolge oggi grazie all’automatizzazione avrebbe bisogno di 33 domestici… Per non parlare dell’agricoltura".
Una delle domande più frequenti su questa rivoluzione concerne la "professione del futuro". Un concetto molto generico, ma che permette a Carpanzano di tracciare un identikit del possibile apprendistato che consiglierebbe a suo figlio. "La prima cosa che gli direi è di fare quello che gli piace - afferma ridendo -. Ma questo è logico. Senza voler essere un indovino, nel futuro già oggi si vedono attività molto belle e molto diverse rispetto a quelle che facciamo oggi. Non bisogna pensare che per dovremo essere tutti ingegneri informatici o programmatori, non è questo il punto. Saranno certamente necessarie competenze tecnologiche, ma ci sarà spazio anche per un connubio con conoscenze di tipo più strettamente umanistico o creativo. Già ora si vedono sviluppi concreti in ambiti come il commercio digitale o la medicina. E questa combinazione di competenze è la sfida futura". A proposito di sfide, la conclusione non può essere che dedicata alla Supsi e alle attività del Dipartimento diretto da Carpanzano. "Sono contento del dinamismo e del potenziale del Dipartimento. Siamo 280 teste e il lavoro è molto interessante. Sogni? Vorrei qualche ticinese in più tra gli studenti, ma…" mschira@caffe.ch
20.08.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel