Giorgio Ghiringhelli
Immagini articolo
"Mi considero libero
e poco omologato"
CLEMENTE MAZZETTA


Giorgio Ghiringhelli, il rompiscatole. Neanche a 65 anni compiuti molla l’osso. Continua imperterrito nelle sue battaglie contro tutto. Dalla contestazioni delle schede elettorali semitrasparenti, vent’anni fa, all’iniziativa contro il burqua, a quella contro i balzelli sull’energia elettrica, alla - recentissima - a favore del patrocinio gratuito per i costi legali in caso di legittima difesa.
Perché lo faccia, forse veramente neanche lui lo sa bene. "Mi considero un cittadino non omologato. Libero pensatore, libero di fare le battaglie contro quelli che reputo errori, soprusi, eccessi, ingiustizie", risponde. Sarebbe sbagliato definirlo un "uomo contro". Ghiringhelli, ex giornalista libero (dopo gli esordi all’Eco di Locarno negli anni ’70, ha collaborato con Gazzetta Ticinese, Corriere del Ticino e con il Dovere) è stato protagonista di iniziative a favore dei cittadini. Una delle più importanti quella sulla liberalizzare delle tariffe notarili ("Verso il basso", precisa), ma anche per l’aggregazione del Locarnese. O ancora la battaglia contro le casse malati sui rimborsi ai parenti degli assicurati defunti per i premi pagati in eccesso.
Un perfetto "cane da guardia" in difesa dei cittadini, della democrazia contro lo strapotere delle istituzioni e dei partiti. Un  mastino che "non molla l’osso", come è appunto il simbolo del suo partito-movimento personale. Quel "Guastafeste" con cui vent’anni fa s’era presentato prima a Losone, poi sulla scena politica candidandosi a più riprese per il Gran Consiglio, Consiglio di Stato  e pure per le Camere federali.
"Mi lancio in battaglia contro quelle che reputo delle ingiustizie. Se sbaglio, sbaglio da solo. Sempre in buonafede. Studio, analizzo i problemi e poi parto". La Sonntagszeitung  di Zurigo lo ha citato fra "Die fleissigsten Kläger der Nation", ovvero fra i maggiori ricorrenti al Tribunale federale in base all’analisi di 75mila sentenze dal 2007 a oggi. Al quarto posto in una sorta di hitparade dei dieci più noti "rompiscatole" della Svizzera (al quinto resiste ancora Giuliano Bignasca, defunto nel 2013). Una graduatoria che ovviamente il nostro "guastafeste" contesta.
"L’articolo è  incompleto e qua e là inesatto.  Probabilmente il giornalista non aveva accesso alle sentenze emesse prima del 2007 (data dalla quale tutte le sentenze del Tribunale federale sono pubblicate su internet).  In altre sentenze il nome dei ricorrenti è stato anonimizzato, per cui qualche mio ricorso gli è certamente sfuggito". Alla Sonntagszeitung che gli attribuisce 5 ricorsi lui ribatte elencandone 11, in "media uno all’anno".  Insomma quel che basta per diventare non solo massimo "rompiscatole" in Ticino, ma di tutta la Svizzera.
Non accetta di essere intruppato né a destra, né a sinistra. "Ho votato per tutti i partiti, tranne che per i comunisti. Sono gli altri che ti appiccicano le etichette. Per i temi che scelgo, vengo classificato di destra. Ma perché mai chi contesta l’islamizzazione strisciante dell’Europa dovrebbe essere di destra? Mi sono interessato alla questione, mi son fatto un’idea, ma non in base ad una ideologia di destra o di sinistra. Non mi sono mai accodato a nessun partito. Se l’avessi voluto avrei accettato la proposta di Attilio Bignasca di entrare nella Lega negli anni ‘90 e ora sarei in Gran Consiglio".  
Eletto due volte in municipio a Losone, per due volte ha lasciato il  posto al primo subentrante: "Ho voluto  dimostrare che non mi interessano le cadreghe. Nel 2010, mi sono dimesso, e sono uscito tutte le battaglie elettorali". Continua però a "rompere" istituzionalmente. Lo scorso 24 marzo ha lanciato una petizione nazionale per chiedere alle autorità  di proibire in Svizzera i movimenti islamisti (salafiti/wahabiti) e chiudere le loro moschee e centri "culturali" di indottrinamento che favoriscono la radicalizzazione dei musulmani "moderati".
09.07.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel