Katja Wiesendanger
Immagini articolo
"Lasciate che i figli
vivano liberi e felici"
STEFANO PIANCA


ome latino, ma sensibilità moderna, aperta e proiettata al futuro. Tanto più che, da pochi mesi, a guidare Pro Juventute Svizzera è una donna, Katja Wiesendanger, 43 anni. La nuova direttrice col Caffè parla dei suoi progetti e della sua visione di gioventù: "Vogliamo rendere la Svizzera un posto eccezionale per i bambini. Un luogo riconosciuto in tutto il mondo". Ecco cosa manca al momento per diventarlo: "Pro Juventute è sempre stata attiva là dove vi erano delle lacune educative. Oggi vediamo che esistono delle esigenze di educazione in materia di identità, di capacità di stare con gli altri - intesa come comunità - e di pari opportunità".
Per identità del bambino la direttrice intende "la salute e in particolare la salute psichica. Abbiamo anche istituito un numero telefonico d’aiuto, il 147". In pratica l’equivalente, per i più piccoli, del Telefono Amico. "Un servizio che vuole agire a stretto contatto, poiché andiamo dove i ragazzi sono già. Quindi sul web, le chat... per entrare nel merito di questioni di contenuto e non soltanto, tra virgolette, di sostegno momentaneo". Il compito di discutere coi giovani di temi concreti sarà affidato a specialisti come operatori sociali o psicologi.
Il secondo innovativo campo d’azione parte da uno studio, secondo cui "i bambini restano senza qualcuno che li osservi soltanto per 29 minuti al giorno. Prima, negli anni ‘70, eravamo sulle 3-4 ore. Quello di stare troppo poco da soli è oggettivamente un limite. Vogliamo tornare ad offrire ai bambini e ai giovani questo tipo di spazi. In altre parole gli spazi eccessivamente strutturati, non sono sani per la crescita", sottolinea la direttrice. Con "strutturati" si intendono luoghi tanto attrezzati da non aver bisogno di fantasia per poter essere vissuti; così come i pomeriggi farciti di ogni iniziativa, proposta dai genitori. "Gli esempi si sprecano. Accanto agli importanti impegni scolastici abbiamo: lezioni private, attività sportive, corsi di musica...". Una sfida, ma anche un punto di partenza per, spiega, "conquistare nuovi spazi in città; liberarne altri e rendere questi spazi raggiungibili e quindi utilizzabili da parte dei bambini". Una strada chiusa può diventare un mondo a disposizione dei giovani. "Lo spazio di gioco libero, non necessariamente strutturato, deve ritornare ad essere presente nella quotidianità dei nostri bambini".
La direttrice di Pro Juventute è anche "mamma", a weekend alterni, dei due figli, di 13 e 15 anni, avuti in precedenza dal suo compagno. "Da un lato - spiega - c’è il desiderio di approfittare quanto più del tempo assieme, dall’altro bisogna fare uno sforzo per non ‘strutturare’ ogni momento. Il segreto è non far nulla di programmato per un giorno intero. Puntando su attività create al momento, lasciandoli da soli o condividendole. Basta uscire di casa, ma il prerequisito è che davanti a casa ci sia uno spazio libero da poter utilizzare, da poter frequentare".
Infine, terzo punto, ci sono "le pari opportunità, ossia che tutti i bambini, di qualsiasi estrazione sociale, di qualsiasi cultura o lingua, abbiano le stesse chanches di inserirsi nel mondo del lavoro". Ma la direttrice non trascura l’integrazione dei figli di chi arriva da lontano. "Anche qui stiamo sperimentato programmi che vanno nella direzione delle pari opportunità. Ci sono problemi molto concreti come la capacità di annunciarsi per un posto di apprendistato, di scrivere un curriculum o affrontare un colloquio di lavoro. Con l’aiuto di professionisti del settore andiamo nelle scuole per fare questo tipo di esercizio coi ragazzi". In un Paese dove gli stessi svizzeri spesso non si capiscono fra regioni linguistiche viene da chiederle se pensa che accadrà anche in futuro. "Sicuramente le differenze culturali sono meno marcate in tenera età. È solo crescendo che non ci si capisce più e dobbiamo lavorare affinché le diversità diventino un arricchimento".
26.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel