Il portavoce delle vittime del "caso Hogel", 97 morti
"Anche nelle cliniche
è presente l'omertà"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Christian Marbach, portavoce e parente di una delle vittime di Niels Högel, condannato per l’omicidio di 97 persone, spiega il caso che ha scioccato la Germania.    
Chi è Niels Högel?
"Un infermiere processato per la morte di 100 persone, ma sospettato di averne uccise sino a 300. Nel processo non si sono considerate le altre vittime i cui corpi sono stati cremati. Högel è il più grande serial killer mondiale".
Fra le vittime anche suo nonno…
"Mio nonno è stato ucciso da Högel nel 2003. È stato ricoverato nella clinica di Delmenhorst che aveva 78 anni".
Come è deceduto?
"Due settimane dopo l’operazione, riuscita bene, ha subìto all’improvviso un infarto. È morto in rianimazione: sia l’arresto cardiaco che la rianimazione e il decesso si devono a Niels Högel".
Uccideva "per il gusto di uccidere", si è detto nel processo…
"Sì, un killer spietato perché ha ucciso in ospedale. Dove Högel ha tolto la vita a uomini e donne, giovani e anziani, distruggendo anche le famiglie delle vittime".
Cosa significa questo orrore per i familiari delle vittime?
"Perdere un parente in ospedale, dove ti aspetti delle cure, è già un trauma. Ma la cosa peggiore è un’altra".
Quale?
"Nelle due cliniche sia medici che direttori e infermieri sapevano dei troppi casi di decessi in rianimazione. Ma non hanno fatto nulla per fermare o denunciare Högel".
Come può accadere tutto ciò in Germania?
"Come per i casi di pedofilia nella chiesa, anche negli ospedali c’è omertà se è in gioco il prestigio della clinica. Högel poi si atteggiava a medico, quasi più esperto dei giovani medici".
Che tipo era?
"Intelligente, curato, divertente, con tanti amici. Il male non si presenta mai col volto maligno che ci immaginiamo".
Lo ha mai contattato?
"Sì, gli ho scritto delle lettere a cui lui ha risposto. E dalle sue risposte è risultato che è non solo un assassino, ma anche il migliore testimone contro la direzione delle due cliniche".
È soddisfatto del processo, la giustizia tedesca ha funzionato?
"No, la giustizia è stata troppo lenta ad elaborare questi delitti. Forse i magistrati di Oldenburg non volevano incolpare un servizio pubblico, le cliniche, i dottori. L’ultimo processo ha avuto luogo grazie all’iniziativa di noi parenti delle vittime, dei media e politici".  
I parenti delle vittime hanno ritrovato una certa pace?
"Sono riuscito a perdonare l’assassino di mio nonno. Dopo il processo mi sono liberato per così dire di lui. Ora lui non avrà più una vita, e anche un killer come lui è vittima dei suoi stessi impulsi".
17.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00