function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Sempre più donne si rivolgonon alle banche dello sperma
Immagini articolo
Il seme di donatori
per 3.668 mamme
PATRIZIA GUENZI


Spermatozoi sempre più pigri e spesso insufficienti. Quando il bebè non arriva non è sempre colpa della donna. Anzi. Sovente è proprio la cattiva qualità del seme maschile a determinare l’infertilità di una coppia. Uno svizzero su sei è sterile, non raggiunge i 15 milioni di spermatozoi per millilitro, la soglia minima secondo l’Organizzazione mondiale della salute. Insomma, lo sperma elvetico lascia parecchio a desiderare. Non tutto, per fortuna. Infatti, le donne il cui partner non può procreare possono rivolgersi ad un donatore. Infatti, nel giro di neanche dieci anni, sono triplicati i bambini nati con questa tecnica. Dai 1.250 del 2009, ai 3.668 del 2018.  
Numeri importanti. Che stanno a dimostrare come anche in Svizzera "sia caduto un tabù", dice il dottor Jürg Stamm, medico aggiunto ginecologia e ostetricia all’ospedale regionale di Locarno. E spiega : "Negli anni c’è stata un’evoluzione. Oggi le coppie sono più aperte. Oggi si accetta che l’uomo non possa procreare e che la donna non debba per questo rinunciare ad avere figli. Per cui spesso una soluzione è quella di ricorrere a un donatore".
Avere figli sembra essere, rispetto al passato, più difficile. "In realtà non sappiamo come era negli Anni 40, ad esempio - osserva Stamm -. A mio avviso le difficoltà ci sono sempre state, ma un tempo la medicina non offriva molte alternative". Comunque sia, a livello mondiale si registra un peggioramento della qualità dello sperma. "Sotto accusa, soprattutto alcuni fattori ambientali e di stile di vita dei giovani uomini - spiega il dottor Michael Jemec, del Centro ProCrea di Lugano -. Fumo, alcol, droghe... È su questi aspetti che cerchiamo di sensibilizzare i ragazzi quando una volta l’anno andiamo nei licei per fare informazione". E Stamm aggiunge: "Sicuramente l’inquinamento ha un peso importante".
In Ticino i donatori di sperma sono selezionatissimi, sottoposti a regolari e rigidi controlli. Solo la prima scelta supera i test. "Ne abbiamo circa cinquanta sempre a disposizione - spiega Jemec -. Inoltre, come istituto privato abbiamo un bacino più ampio perché facciamo capo a una rete internazionale che comprende svariati partner stranieri". Al Centro cantonale di fertilità sono una ventina i donatori, l’età media è di 26 anni, e "riescono a soddisfare tutti i criteri necessari, valutazione psicologica, parametri del liquido seminale, esclusione di malattie infettive e genetiche - spiega l’Ente ospedaliero -. In un anno con questa tecnica nascono dai 5 ai 10 bimbi".
All’incapacità riproduttiva del maschio spesso si somma un’ulteriore difficoltà: l’età della donna alla sua prima gravidanza, sempre più in là con gli anni. Il che significa una scarsa quantità e qualità degli ovociti o, anche, problematiche dell’apparato riproduttivo. Difficoltà spesso abbastanza facilmente risolvibili, grazie ai passi da gigante compiuti dalla medicina della riproduzione. Oggi le tecniche per tentare di procreare in laboratorio sono sempre più raffinate e differenziate a seconda del problema diagnosticato.
Dal 2001, anno in cui è entrata in vigore la legge sulla medicina della procreazione, la donazione anonima di sperma è vietata in Svizzera. Da quest’anno i primi nati saranno maggiorenni e avranno il diritto di conoscere l’identità del padre biologico. Lo potranno fare con una domanda all’Ufficio federale dello stato civile (Ufsc). Il costo è di 200 franchi. Le prime richieste, secondo l’Ufsc, potrebbero giungere in queste settimane. Su questo aspetto, però, FertiForum della Società svizzera di medicina riproduttiva e Salute sessuale svizzera non nascondono le loro perplessità. Raccomandano di informarsi bene prima di intraprendere questo iter. Tanto per cominciare, il donatore non è tenuto a rispondere a una domanda di contatto, né accettare un incontro. L’esigenza di conoscere la propria origine genetica può essere dettata una semplice curiosità, ma anche essere provocata da un periodo di crisi o di instabilità. Il desiderio di ricercare l’identità del donatore sottolinea sovente un passaggio chiave nella vita della persona interessata. Inoltre, sottolineano FertiForum e Salute sessuale, le informazioni ottenute non sono quasi mai senza conseguenze sul piano emozionale, per il figlio, per il donatore a cui è richiesto un contatto e per i familiari delle due parti. "È un aspetto molto delicato questo - sottolinea il dottor Jemec -, non va preso sottogamba perché davvero può stravolgere la vita delle persone coinvolte. Ne parliamo a lungo durante i nostri colloqui con i futuri genitori". Allo stesso modo, va considerato seriamente cosa significa per una coppia decidere di ricorrere ad un donatore, accettare il seme di un estraneo. Un percorso spesso doloroso e complicato. Sebbene quasi sempre il desiderio di un figlio sia più forte e prevalga su timori, scrupoli e diffidenze.
pguenzi@caffe.ch
29.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00