Le alternative al franco non convincono gli esperti
Immagini articolo
Monete locali in città
'ma sono solo palliativi'
ANDREA BERTAGNI


Una tira l’altra. Come le ciliegie. Sono le monete. Quelle locali. Dai nomi strani. "L’Abeille". "Farinet". "Dragon". Solo per citarne alcune. Vengono inventate di sana pianta dalle città svizzere per rivitalizzare il commercio. "In realtà si tratta di forme di pagamento nate in seguito alla crisi del 2008 - spiega Sergio Rossi, professore  di macroeconomia e di economia monetaria all’università di Friborgo -, in questo senso sono sintomatiche delle difficoltà economiche delle persone e delle piccole e medie imprese".
Se l’economia non gira, ecco dunque spuntare le "carte di credito" cittadine. Ricaricabili e riutilizzabili. L’ultima nata è proprio L’Abeille, dal prossimo autunno a La Chaux-de-Fonds. Grazie a un investimento di 100mila franchi del Municipio. Coivolte una sessantina di aziende locali. Dai cinema ai negozi di abbiglimento, dai musei ai chioschi. L’Abeille sarà accettata un po’ dappertutto. Ad eccezione dei grandi gruppi come Migros, Coop, Lidl. "Le banche hanno chiuso i rubinetti - prosegue Rossi - e le comunità cercano nuove soluzioni per rilanciarsi e sopravvivere. A tutti gli effetti si tratta di un tentativo da disperati".
Un tentativo senza confini geografici. In Italia, in Sardegna, è nato il "Sardex", in Liguria la "palanca di Genova", in Toscana la "Promessa di Pisa". Fino agli Scec di Napoli. In Francia, a Nantes, dovrebbe decollare il "bonùs". In Borgogna c’è "la Pive". Ma anche la Svizzera non sta a guardare. Oltre alla già citata "L’Abeille" di La Chaux-de-Fonds, esistono il "Farinet" in Vallese, il "Léman" nella regione di Losanna-Ginevra, la "Grue" nel Saanenland bernese, il "Dragon" a Friborgo (dal 2020), il "Netzbon" a Basilea, l’"Eulachtaler" nella regione di Winterthur, il "Vorwärts Beo" nell’Oberland bernese, l’"Épi", nel Gros-de-Vaud e ai piedi del Giura vodese.
Finora la mania della moneta locale non ha però contagiato il Ticino. Anche se a Mendrisio si è parlato del "Ndrisiome". Senza però niente di concreto. "Invece credo che questo sistema possa trovare una realizzazione anche nel nostro cantone - sottolinea Rossi -, in fondo siamo di fronte a una forma di sostegno per il rilancio delle comunità. Le persone stanno sprofondando sempre di più nell’aiuto sociale, ben vengano queste forme di credito reciproco bilaterali".
Di sicuro "L’Abeille" e le sue compagne non sono da confondere nella forma con le criptovalute. Come il "Ticinocoin", la moneta elettronica ticinese che si basa sulla stessa tecnologia della moneta virtuale più famosa, il bitcoin. Le prime sono cartacee. Le seconde digitali e utilizzano la tecnologia blockchain. Anche se con il "Ticinocoin" si vuole comunque promuovere l’economia locale, favorendo gli acquisti tra i produttori e stimolando gli scambi.
Tornando alle monete locali, per Angelo Geninazzi, economista e sindaco di Melide, "forse le monete locali possono anche avere senso ma ritengo siano dei palliativi, meglio puntare su progetti a lungo termine". Geninazzi fa degli esempi. "A Melide, grazie all’installazione delle stazioni di ricarica delle auto elettriche Tesla l’anno scorso si sono fermate 30mila persone, il 66% delle quali hanno mangiato e bevuto in paese per la felicità di ristoratori e negozianti". E siccome i commerci soffrono, è un dato di fatto, ogni tentativo va bene per riportare un po’ di ossigeno. "In questo senso meglio una ‘l’Abeille che niente - afferma Geninazzi -, ma a lungo termine servono capacità di attrarre e diventare concorrenti per riuscire a ridare fiato al commercio". Si spiega così un altro progetto citato dal sindaco di Melide. "Con il musical ‘Titanic’ siamo riusciti a portare sul ponte diga migliaia di persone. La concorrenza si vince solo con progetti che hanno un’importante impronta economica esclusiva".
abertagni@caffe.ch
01.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00