Lo scaricabarile della Serafe per le fatture sbagliate
Immagini articolo
Il nuovo canone radiotv
mette in crisi i Comuni
CLEMENTE MAZZETTA


Degli indirizzi sbagliati delle fatture del canone radiotelevisivo, e del caos che ne è seguito, se ne occuperà anche il Consiglio degli Stati. In tutta la Svizzera, tra gennaio e febbraio, è stato un susseguirsi di telefonate di protesta, direttamente ai centralini dei Comuni. Una decina ad Ascona e Capriasca, una ventina a Massagno e Agno, una trentina a Brissago. Molte di più negli agglomerati di Locarno, Mendrisio, Lugano. Più di 200 a Bellinzona.
La ditta che ha vinto l’appalto della riscossione del canone, Serafe, che ha scalzato la tanto detestata Billag , non è partita esattamente con il piede migliore. Ha inviato 3,6 milioni di fatture utilizzando indirizzi vecchi o errati e mettendo a soqquadro tutti i comuni, da Zurigo a Lugano, da Basilea a Ginevra, da Sion a San Gallo.
In Ticino, il giudizio più cortese è del segretario comunale di Paradiso: "Abbiamo avuto a che fare con dei dilettanti allo sbaraglio". Dilettanti che hanno trasformato i comuni in sportelli d’informazione per conto terzi. "A gennaio siamo stati subissati da centinaia di telefonate di privati cittadini che protestavano per le fatture del canone radiotv, per gli indirizzi errati, o per l’elenco dei familiari incompleto o in eccesso, per i nomi presi a caso -spiega il responsabile dell’Ufficio movimento della popolazione di Bellinzona -. Ci avevano preso per l’ufficio informazioni per la riscossione  del canone molto probabilmente".
Un caos nazionale. A Basilea hanno dovuto spostare personale dagli sportelli per gestire l’assalto telefonico di chi protestava. A Ginevra è stato chiamato in causa il cantone. Cosa era successo? Semplicemente che la ditta Serafe aveva utilizzato la banca dati comunale degli indirizzi non aggiornata. Nella migliore delle ipotesi relativa allo stato di famiglia di ottobre/novembre per le fatture inviate a gennaio. "Come se non bastasse  Serafe, senza dirci nulla, ha invitato i loro utenti a segnalare eventuali errori di indirizzo al rispettivo comune",  aggiunge Christian Barelli, presidente dell’Associazione ticinese funzionari controllo abitanti, che ha stigmatizzato questo modo di procedere. Anche per alcuni effetti assurdi: "Per le economie domestiche con più di 4 componenti, l’intestatario veniva "messo a caso" con la possibilità che la fattura risultasse intestata a minorenni". E siccome i tempi di attesa al telefono di Serafe superavano i dieci minuti, la gente ha tempestato di telefonate i comuni che si son trovati a rispondere anche a richieste di rateizzazione, di esenzione e problemi vari.  
Ora Serafe ha rettificato: "Chiunque rilevi errori nell’indirizzo della fattura deve immediatamente segnalarlo a Serafe, che trasmetterà poi le informazioni ai rispettivi uffici di controllo degli abitanti". L’inverso di prima. Ma a prescindere dell’invio in massa delle prime fatture per il canone radiotelevisivo - 3,6 milioni -, tra il 4 e il 17 gennaio 2019, quelli successivi avverranno a tappe, con un metodo non proprio felicissimo.
Per garantirsi un afflusso costante di entrate, gli utenti sono stati divisi in 12 gruppi. Al primo gruppo a gennaio è stata inviata la fattura di 365 franchi. A quelli che fanno parte del secondo gruppo è stata inviata una prima fattura parziale a gennaio (per un mese) e una totale a febbraio. Poi, quelli del terzo gruppo, hanno ricevuto una fattura parziale di due mesi e una totale a marzo. E così via. "La famiglia Rossi - spiega Serafe - assegnata al gruppo di maggio ha ricevuto a gennaio una fattura parziale per 4 mesi (da gennaio a aprile) e una totale a maggio". Il tutto per una media di 300mila invii mensili. Il caos è assicurato. E le proteste continuano, come segnala Locarno: "Stiamo assistendo alla stessa situazione che abbiamo vissuto a gennaio, siamo confrontati con nuove lamentele - dice Manuela Canonica, funzionaria del Controllo abitanti della città -. Le segnalazioni e le proteste sono state parecchie, soprattutto a gennaio". Non solo per le intestazioni errate delle fatture, ma anche per il fatto che Serafe non si faceva trovare al telefono, per cui i cittadini erano costretti a tornare da noi". Ora se ne occuperà il parlamento. La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati ha chiesto spiegazioni all’Ufficio federale delle comunicazioni. Di chi le responsabilità, quali i costi? Le risposte entro primavera.
cmazzetta@caffe.ch
03.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento