function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Fogli in libertà
A scuola non si ragiona,
oggi bastano gli imbecilli
RENATO MARTINONI


Mi scrive un anonimo: "Da noi, nelle scuole, le cose funzionano. E alla più bella. Gli insegnanti ripetono, da bravi soldatini, quello che spiegano i libri del Comitato. Basta impararli a memoria, quei volumi, o leggerli ad alta voce. Studiare, o peggio riflettere con la propria zucca, non serve un cacchio di nulla. Uno entra in classe da novizio ed esce il giorno della pensione. Senza affaticare il cervello. Ci pensano i Nostri a ragionare. Non esistono discussioni, nelle nostre scuole. Anche gli allievi studiano a memoria quello che predica il Comitato. Se qualcuno poi (non è mai successo e mai capiterà) dovesse sgarrare, se il docente o l’allievo provassero a cacare un’idea propria, diversa da quello che è il pensiero del Comitato, beh, allora qualcuno provvederà a denunciarlo. È giusto che finisca in un gulag a riflettere con calma. O che un passante lo decapiti per strada".
"La scuola non è il luogo in cui si possano formulare idee proprie o pensieri dissenzienti. La scuola è il tempio dell’unità, della concordanza, dell’omogeneità. Il Comitato dice che i pesci volano? E allora i pesci volano. Il Comitato dice che il ferro galleggia? E dai, che il ferro galleggia. Sapessi come è bello andare a scuola nel nostro paese! Tutto cade dall’alto, come la pioggia che bagna i campi. Essere in classe o fare vacanza è la medesima cosa. Nessuno ha dei dubbi. L’allievo e l’insegnante la pensano allo stesso modo. Il genitore e il maestro sono sempre concordi".
"Peccato che da voi, barbagianni europei, si leggono in classe libri, non scritti dal Comitato, ma da persone che chiamate "specialisti". Hanno ragioni da vendere quei vostri zerbinotti, di destra e di sinistra, che insistono perché la scuola punisca gli insegnanti che pensano con la loro zucca, o che esprimono pensieri di sinistra (così dicono i rampolli di destra) o di destra (così dicono i germogli di sinistra). Fortuna che questi alfieri della libertà fanno sentire la loro voce! Gli darebbero una medaglia al valore, se abitassero da noi. Ben vengano i siti dove parenti e allievi possono postare, anonimamente, le loro rimostranze verso la scuola e le minacce rivolte agli insegnanti. Lo dicono i paracarri. I genitori la sanno più lunga dei docenti. Sia dunque lode all’acume dei giovanotti che, da voi, hanno avuto l’idea geniale di aprire un sito che serva a denunciare gli infami, e all’intelligenza politica dei loro protettori che li sostengono a spada tratta. La delazione è il sale della vita. La scuola non può essere un luogo di discussione. È asettica, la scuola. In classe si pensa all’unisono. Come prescrive il Comitato. Aggiornatevi un poco, c...! Siamo nel 2020. Un militaresco saluto. Dalla Corea del Nord".
24.10.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00