function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Fogli in libertà
Adesso i medici stranieri
imparino le lingue nazionali
RENATO MARTINONI


Il Tribunale federale ha annullato l’obbligo, prescritto dal Gran Consiglio ticinese, di chiedere la conoscenza di una seconda lingua nazionale ai medici che vogliono ottenere da noi il permesso di esercitare la propria professione. La scelta dei giudici è motivata, almeno dal punto di vista giuridico. Pertanto c’è poco da obiettare. Tuttavia, vivendo in un paese dove le lingue nazionali sono quattro, qualche riflessione diventa necessaria. Intanto un medico è una persona che ha studiato: oltre alla lingua madre c’è da immaginare che sappia l’inglese. Poi un medico dovrebbe essere una persona che ha degli interessi culturali, e che magari è stato all’estero: per specializzarsi, per fare volontariato o come semplice turista. Possibile che non gli sia mai venuta la voglia di studiare un po’ il tedesco, o il francese, o l’italiano? Lingue parlate da oltre duecento milioni di europei? E soprattutto, se un medico, dall’estero, viene in Svizzera a trovare lavoro, dovrà pure adattarsi un pochino alle regole del paese che lo ospita.
Oddio, non è che gli ingegneri germanici che arrivano a Zurigo facciano in genere degli sforzi particolari dal punto di vista linguistico: parlano il tedesco e l’inglese. E chi s’è visto s’è visto. La medesima cosa succede con i banchieri francesi che trovano un posto a Ginevra. Allo stesso modo un medico svizzero tedesco può esercitare la propria professione nel Ticino senza sapere una sola parola di italiano. Basta che accolga nel proprio studio pazienti germanofoni e tutto si risolve bene e in fretta.
Ma la Svizzera è un paese dinamico. Dove ci si muove: per andare a Zurigo ci vogliono poco più di due ore. Dove ci si scambia volentieri qualche informazione. Vero è che fra un ospedale di Lugano e uno di Berna si può parlare in inglese. Ma questo mina gravemente una disponibilità (che è frutto di sensibilità e di fatica) che fa parte della nostra tradizione. Dobbiamo lasciar decidere a chi viene da fuori, e non ha alcuna sensibilità, né politica né culturale, per le differenze linguistiche? Non è che magari gli si possa chiedere, in cambio di condizioni più attraenti, un altro piccolo sforzo per adattarsi a una cultura, quella del rispetto della diversità e della tolleranza linguistica? Pur non sempre funzionando al meglio, questa sensibilità fa comunque parte del nostro dna. Come la mettiamo con i turisti, in un paese di vocazione turistica? Se un medico italiano che opera nel Ticino deve occuparsi di un campeggiatore appenzellese, che cosa fa? Chiama l’interprete o lo manda da un collega che mastica il tedesco? Insomma la questione non riguarda solo il diritto o la grammatica. È un problema serio che nessuno, neanche le leggi, può ignorare.
11.07.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00