function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il progetto per creare consorzi di imprese transfrontaliere
Immagini articolo
"I miliardi dell'Europa
arrivino anche in Ticino!"
MAURO SPIGNESI


Il dopo-Covid può ripartire da una collaborazione tra Ticino, Lombardia e Piemonte. Un’area geografica e industriale molto ampia che potrebbe trasformarsi in uno scrigno di opportunità di business. Già, perché in Italia si attendono circa 300 miliardi di euro di sussidi, in diverse tranche e da usare in ambiti diversi. Una cura da cavallo, una massiccia iniezione di denaro che arriva da Bruxelles per fare ripartire l’economia. E allora perché non allearsi, invece di farsi concorrenza da una parte all’altra della Dogana? "Tante imprese del Ticino potrebbero annodare nuove forme di relazione con ditte della Lombardia e del Piemonte, promuovendo progetti sinergici transfrontalieri in grado di attivare una parte delle risorse europee. Uno scenario nuovo che potrebbe offrire prospettive concrete di lavoro anche alle aziende del cantone", spiega Giovanni Moretti di Collaborazione imprese Svizzera-Italia, società con uffici a Chiasso per la promozione economica dei due territori.
Moretti non è nuovo a queste proposte, le aveva fatte anche quando era consulente della Camera di commercio italiana per la Svizzera. "Attiviamo - propone adesso - entro dicembre un confronto diretto tra imprese dei due territori per studiare progetti operativi di collaborazione reciproca, capaci di portare su un medesimo piano di effettiva reciprocità sia le imprese del Ticino, sia quelle di Lombardia e Piemonte. I 300 miliardi Ue saranno disponibili a partire dal 2021. Sarebbe auspicabile che nasca un gruppo di lavoro capace di includere nei progetti che l’Italia presenterà a Bruxelles il prossimo anno anche alcune decine di idee messe a punto e gestite da consorzi tra imprese di Ticino, Lombardia e Piemonte".
Tutt’altro che una brutta idea per  Luca Albertoni. "Potrebbe essere una occasione interessate per mettere in piedi nuove forme di sviluppo - dice il direttore Camera di commercio cantone Ticino -. L’unico dubbio è la difficoltà nel trovare punti d’incontro tra i due sistemi, tra quello nostro snello e quello dell’Italia molto burocratico, e tra i due ordinamenti giuridici che sono piuttosto differenti". Detto questo, il direttore della Camera di commercio ricorda che esistono già consorzi italo-svizzeri e collaborazioni tra imprese in ambiti differenti. "In particolare - spiega ancora - in quello della ricerca e in quello accademico. Difficile invece si riesca a mettere a punto progetti Interreg, proprio per le difficoltà ad accedere a certe gare". Da tempo invece la Camera di commercio ticinese sta collaborando con aree industriali più affini, come quelle attorno a Lucerna o romande. "Più affini per sistema ma - precisa Albertoni - se si aprissero occasioni di partnership le nostre aziende farebbero bene a coglierle".
Secondo Moretti, tuttavia, "è giunto il momento di introdurre una svolta radicale nelle relazioni reciproche facendo in modo che finalmente vengano valorizzati i vantaggi reali della libera circolazione anche da parte delle imprese elvetiche. Questo si può fare collaborando in quei settori nei quali il Ticino ha competenze e posizioni di mercato più vantaggiose".
Nel concreto, secondo Moretti, "bisogna verificare l’esistenza e la fattibilità di progetti di collaborazione reciproca. Queste esperienze sono state possibili nel passato, in un contesto nel quale non erano disponibili somme così ingenti di finanziamenti agevolati. Oggi le opportunità si sono moltiplicate".
mspignesi@caffe.ch
12.09.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00