function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Le agenzie immobiliari ottimiste dopo lo stop forzato
Immagini articolo
"Le compravendite di case
sono ripartite molto bene"
CLEMENTE MAZZETTA


Il mercato immobiliare, dopo lo stop forzato di quattro mesi (a marzo le vendite di appartamenti in condominio in Ticino avevano fatto segnare un meno 17%), è in risalita. "Stiamo riprendendoci quello che il lockdown aveva congelato, ma non distrutto - dice Giuseppe Arrigoni, presidente di Svit Ticino, l’associazione che raggruppa i professionisti del settore -. Non abbiamo ancora dati precisi. Li avremo solo a fine anno, ma sentendo gli associati posso sostanzialmente affermare che il settore si sta riavendo molto bene. Soprattutto per la fascia media, quella delle abitazioni fra i 600mila e il milione di franchi".
Una ripresa a macchia di leopardo. Stanno recuperando in modo soddisfacente le zone del Bellinzonese e nel Luganese. Bene soprattutto la vendita di rustici nel Locarnese. "Oggi, a causa del lockdown, i rustici che prima non si vendevano sono fra gli immobili più richiesti. La gente vuole case più ampie, giardini, spazi aperti. Anche per gli appartamenti in affitto chiedono come minimo un bel terrazzo", precisa Arrigoni, che segnala una maggior difficoltà per il mercato immobiliare del Mendrisiotto.
Ovviamente i quattro mesi persi sono andati definitivamente per il settore dell’abitazione, la gente è anche più prudente nell’investire. Nei cantieri non si è piantato un chiodo. Se il fatturato degli impresari edili, stando ai dati più recenti, è calato in Svizzera dell’8%, in Ticino è crollato addirittura del 40%, se non del 50%. Questo anche perché il lockdown è stato più severo: solo dall’ultima settimana di aprile i cantieri in Ticino hanno ripreso a scartamento ridotto l’attività. Ma non è stato tempo del tutto perso perché le agenzie di vendita sono rimaste attive sui portali, sulle piattaforme web, dove i possibili acquirenti hanno potuto farsi un’idea, verificare prezzi e immobili. "Questo spiega anche la ripresa vivace del mercato, delle considerevoli richieste che abbiamo avuto in questi tre mesi", sostiene Matteo Degli Agli, dell’agenzia Mda international Realty di Lugano -. Anche nel settore degli uffici, che dovrebbe essere quello meno interessante, stiamo trattando buoni affari, per spazi anche di di mille metri. Sono ovviamente cresciute le richieste di case singole, la fascia fra 800mila 1,2 milioni, con giardino. Vanno bene le abitazioni fuori città". Stabili i prezzi. "Cosa che  ci fa ben sperare per il resto dell’anno. Siamo abbastanza ottimisti", conclude Degli Agli.
E dopo il lockdown anche i ricchi cercano casa. Il settore che aveva incontrato difficoltà ha ripreso fiato, sostiene Ueli Schnorf della Wetang Consulting, agenzia immmobiliare del lusso, immobili superiori al milione e mezzo: "Il nostro settore che era rimasto fermo, sta riprendendo in maniera molto vivace. In prevalenza abitazioni di residenza primaria".
Mentre gli stranieri riscoprono la Svizzera, gli svizzeri riscoprono il Ticino dove la ricerca di ville e appartamenti di qualità ha preso di mira le  aree migliori. Il Locarnese, da Ascona a Brissago, il Luganese, dalla Collina d’oro a Morcote. "Oggi siamo in una situazione per alcuni versi migliore dello scorso anno - spiega Schnorf -. L’offerta è rimasta uguale, mentre la richiesta è aumenta notevolmente, sia da parte di stranieri che svizzeri". Anche in questo segmento immobiliare  risultano stabili prezzi. "Il valore della proprietà di questo settore - conclude Schnorf - è stimata su una serie di valori che non cambiano rapidamente come sta invece aumentando la richiesta. Non saprei dire però cosa ci porterà il futuro".
cmazzetta@caffe.ch
05.09.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00