Un "trucco" per risparmiare anche il 40% in treno
Immagini articolo
Prezzi ballerini
sul sito delle Ffs
ANDREA STERN


Bastano un paio di clic in più per risparmiare sul prezzo dei biglietti delle Ferrovie federali svizzere (Ffs). A volte si può pagare anche il 40% in meno. Per la stessa tratta allo stesso orario sullo stesso treno. Una situazione apparentemente assurda, di cui le imprese di trasporto sono a conoscenza ma che non possono correggere.
"Sì - conferma al Caffè Thomas Ammann, portavoce dell’organizzazione mantello ch-direct -, siamo consapevoli del problema, che non potrà però essere risolto entro breve. Ci vorrà sicuramente ancora qualche anno" (vedi articolo sotto). Meglio così per i viaggiatori, che grazie a quel "problema" possono nel frattempo risparmiare, e tanto, semplicemente spendendo qualche minuto in più sul sito delle Ffs.
Come? Prendiamo un esempio particolarmente eclatante. Guido e Mario sono due amici che vivono in Val Colla e che vogliono concedersi un sabato a Lucerna. La sera prima della partenza vanno entrambi sul sito delle Ffs per acquistare il biglietto. Entrambi scelgono il primo collegamento del mattino, quello che parte alle 6.32 da Bogno e che, dopo cambi a Tesserete, Lugano e Arth-Goldau, arriva a Lucerna alle 10.21.
Guido inserisce la località di partenza, Bogno, e quella di arrivo, Lucerna. In men che non si dica il sito delle Ffs gli indica tutti i collegamenti disponibili e il relativo prezzo, 74 franchi solo andata. Non è poco ma le Ffs non propongono alcuna alternativa. Guido inserisce dunque i propri dati, paga con la carta di credito e stampa il biglietto. Bene. Guido è pronto per partire, Guido è felice.
Sarebbe un po’ meno felice se sapesse che nella casa accanto il suo amico Mario sta acquistando il titolo di trasporto per lo stesso collegamento a soli 42,40 franchi. Come? Semplicemente spezzando in due la tratta. Un biglietto per andare da Bogno a Lugano, un altro per raggiungere Lucerna. Il primo lo paga 8,80 franchi, il secondo 33,60. In totale 42,40 franchi, oltre il 40% in meno di quanto ha sborsato Guido. Nonostante non abbia l’abbonamento metà prezzo.
A onor del vero bisogna dire che sulla tratta tra Lugano e Lucerna Mario ha beneficiato di un’offerta risparmio. Un’offerta che le Ffs riservano ai treni meno affollati, quelli fuori dagli orari di punta. Altrimenti il biglietto sarebbe costato 61 franchi, che sommati agli 8,80 della tratta Bogno-Lugano avrebbero portato il costo totale a 69,80 franchi. A onor del vero bisogna però anche dire che le Ffs propongono l’offerta risparmio solo a chi riserva un biglietto con partenza dalla stazione di Lugano. A Guido, che si è limitato a cercare la tratta Bogno-Lucerna, nessuno ha indicato che avrebbe potuto ottenere uno sconto.
Morale della storia? La soluzione più semplice non è quella più conveniente. Meglio investire qualche minuto in più sul sito delle Ffs provando a spezzettare il viaggio in più tratte che accontentarsi della prima offerta. Acquistare due biglietti distinti anziché uno solo conviene quasi sempre. Sembra assurdo ma è così. Perché la politica vuole che sia così.

astern@caffe.ch
19.05.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00