Il diario
Immagini articolo
Le persone indifese
non nascono per caso
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,&softReturn;se c’è una cosa che fa indignare, sempre e comunque, è la violenza sui più deboli e perciò vulnerabili. La casistica è estesa e la cronaca è punteggiata da vicende talora drammatiche, sempre di dolore. C’è di positivo che quando gli abusi sfondano il muro del silenzio, almeno se ne parla e si contribuisce a informare, a far riflettere ed a mettere in atto qualche meccanismo preventivo.
RESTANO purtroppo ancora molte le storie di aggressività e prepotenza, maltrattamento e coercizione che si consumano e restano al chiuso, dentro le case, talora nelle stesse famiglie. Si sa dall’esperienza che chi vive da prigioniero nella sua casa impara subito a diffidare degli altri. Questa settimana alle Assise Criminali di Lugano c’è stata la condanna a 4 anni di un uomo maturo, 65 primavere sulle spalle e un passato politico. Invece di proteggere e tutelare l’assistita di cui era curatore generale, ne ha abusato sessualmente. Siamo al paradosso di dover curare il curatore. Il giudice Mauro Ermani lo ha ritenuto colpevole di coazione esercitata su una donna che soffre di qualche ritardo mentale, già vittima di abusi sessuali noti all’imputato. Il rapporto di fiducia è debordato in pressioni psicologiche sulla vittima, fino a creare situazioni in cui la donna non poteva opporsi, come è stato precisato nella sentenza. In quest’onda, nel mirino della Procuratrice Pubblica Chiara Borelli è finita anche la mancata segnalazione alla magistratura da parte dello psichiatra che curava la donna e ne conosceva la condizione, con la responsabilità che ne discende.
QUESTA è stata anche la settimana in cui l’iniziativa popolare di Marche Blanche ha fatto un bel passo avanti verso l’obiettivo di interdire i pedofili da ogni possibilità di reiterare il reato, lavorando a contatto con i fanciulli. Si sa che è pericoloso l’aggirarsi di volpi in prossimità di pollai. Giusto che quanti si macchiano di lesioni all’integrità sessuale di una persona dipendente non abbiano più occasione di ripetersi.
NON SI POSSONO lasciare vuoti in una società e in un tempo di diffusa mancanza di rispetto e solidarietà. Dai bambini agli anziani (come s’è visto in qualche nostra Casa), passando attraverso un ampio ventaglio di categorie, pensiamo alle molestie sulle donne, c’è chi vive di frustrazioni e chi malauguratamente le subisce. Occorre alzare tutti gli argini necessari per la moltitudine degli indifesi, di coloro che non riescono a far sentire la loro voce, che non osano denunciare o perché mancano le forze o perché si temono le conseguenze. Per questo popolo senza volto si impone una rete protettiva di sicurezza. Non dimentichiamo mai che la paura è la maggior malattia dell’uomo, ancor più oggi, tra deserti di solitudine. I cuori fragili non nascono sempre per caso.
11.03.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole