Il diario
Immagini articolo
Un vuoto emotivo
riempito d'orrore
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,  &softReturn;da anni ci si interroga su quali argini alzare contro le imboscate tese in modi sempre più insidiosi ai ragazzi e agli adolescenti. Lo ha fatto, ora, anche il Municipio di Locarno, preoccupato "per l’evoluzione del consumo di sostanze psicotrope in generale", quindi delle droghe. Tutto il mondo è paese e Locarno non si differenzia molto nelle tendenze e nei comportamenti rispetto alle altre città nel Ticino e in Svizzera. Il malessere è comune, forse con varianti nelle cifre, ma non più di tanto.
CERTO, si resta colpiti di fronte al fatto che in dieci anni, dal 2006 al 2016, a Locarno si sia registrato un incremento di qualcosa come l’82% nei casi di persone che hanno avuto ed hanno bisogno dell’aiuto degli operatori sociali. Lo scenario degli interventi prospettati, qui come altrove, è un classico: il tasto più premuto, giustamente, è quello della prevenzione, con un occhio però ben vigile a quanto accade, specialmente in vicinanza delle scuole, con il sistema di videosorveglianza per intervenire all’occorrenza. Ma il disagio giovanile che approda nella droga o in altre forme di devianza non si sconfigge - è dimostrato dall’esperienza - con la repressione.
SE VOGLIAMO parlare di prevenzione, l’architrave su cui questa deve poggiare è il dialogo, raccomandato a tutti i livelli, a partire dagli "addetti ai lavori" (psicologi, psichiatri, assistenti sociali, educatori…). Innegabile però che sia diventato più difficile parlarsi fra adulti e giovani, genitori e figli e, se vogliamo, anche tra docenti e allievi. La causa principale è nella mancanza di tempo. Siamo tutti costretti a correre per il vortice di impegni che abbiamo, per il lavoro da difendere, per i bisogni che si moltiplicano (o così almeno ci pare). Non riusciamo più a fermarci, a elaborare qualcosa. Di più: si attenua la dimensione umana e si rafforza quella virtuale. Non ci si parla faccia a faccia, ma per via elettronica. I nativi digitali crescono, i contatti con la realtà calano. Manca un’educazione affettiva e siamo imbottiti di una cultura narcisistica che ha perso il contatto con le emozioni.
PER GIUNTA, in fondo al tunnel ora si intravedono le sagome terribili di gigantesche figure di balene che vanno a spiaggiarsi, cupa metafora di soggetti fragili allo sbando. Il fenomeno, che è già sociale, ha un nome poetico "Blue Whale" ma nasconde agguati micidiali. Partito dalla Russia, questo gioco dell’orrore sta diffondendosi. Il contagio del peggio è devastante. Rispetto al vuoto che si annida dentro molte esistenze, svuotate di interiorità e riempite di cose, la trappola pericolosissima, neppure mimetizzata, appare un rischio da correre. Si sa che la ricerca del rischio è vista come un banco di prova dai ragazzi: non è una novità. Di diverso c’è che in passato gli adulti accompagnavano, con un tessuto sociale che teneva. Oggi le nuove generazioni si trovano in una desolante solitudine, perché siamo un po’ tutti orfani di salvaguardia davanti al futuro.
18.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Dalle risse ai coltelli
ecco il Ticino violento
L'INCHIESTA

I segreti di Madre Tekla
nella Banca di Lugano
L'IMMAGINE

Una settimana,
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Non è svizzero lucrare
sulle armi in guerra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La 'Trumponomics'
non ha alcun merito
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Molestie:
TripAdvisor
segnala
hotel "insicuri"

"Brexit
alle 23
del 29 marzo
2019"