Analisi sulla politica dei Festival dopo l'addio di Chatrian
Immagini articolo
Girandola di direttori
per esorcizzare Netflix
MARIAROSA MANCUSO


Sarà una Berlinale piena di sorprese, impossibile fare previsioni". The Hollywood Reporter - lettura obbligata assieme a Variety per capire dove va il cinema - fa un’apertura di credito e nello stesso tempo non si sbilancia, sul nuovo direttore artistico Carlo Chatrian. Il Locarno Festival intanto pensa alla successione, che avrà tempi più riflessivi rispetto al primo annuncio. Il minimo sindacale, con un brivido quando abbiamo sentito parlare di  "autocandidature".
La Berlinale era in crisi, i registi e gli addetti ai lavori tedeschi avevano sfiduciato con poca cortesia istituzionale il direttore Dieter Kosslick, in carica da 17 anni. Troppi, in tempi che corrono veloci. 17 anni fa Netflix distribuiva Dvd per posta negli Usa, lo streaming sarebbe arrivato nel 2008. Oggi la piattaforma ha stanziato 8 miliardi per rifornire il magazzino di serie e film (ne dovrebbero uscire 80 lungometraggi). Per esempio, ha prodotto "Roma" di Alfonso Cuaron, vincitore di sette Oscar nel 2014 con "Gravity". Tra i suoi gioielli "The Irishman" di Martin Scorsese (150 milioni di budget, i primi finanziatori erano sul punto di abbandonare).
I festival non possono far finta di nulla. L’anno scorso a Cannes erano in concorso "Okja" del coreano Bong Joon-ho e "The Meyerowitz Stories" di Noah Baumbach, il direttore Thierry Frémaux rischiò il posto dopo la protesta dei distributori francesi, nemici dei titoli che non fanno staccare biglietti in sala. La politica di Netflix prevede soltanto lo streaming, per 125 milioni di abbonati nel mondo.
Quest’anno, la marcia indietro. Sarebbero stati accolti in gara solo i film che non escludevano a priori un passaggio in sala. "A priori", perché a posteriori nessuno può impedire a Netflix di fare la campagna acquisti. Aggiudicandosi i diritti per la distribuzione di "Lazzaro felice" (regista Alice Rohrwacher) e "Girl" (regista Lucas Dhont), entrambi premiati sulla Croisette.
"Noi facciamo arte, Netflix è commercio", ha detto Frémaux. Frase che speravamo di non sentire più. Martin Scorsese lo ha contraddetto: i film vanno giudicati per il loro risultato, quale regista volterà le spalle a un generoso finanziamento? Se poi risulterà che il finanziamento è troppo generoso, su progetti non sufficientemente solidi, saranno i registi a pagarne le conseguenze.
Cacciata Netflix, Cannes 2018 era sprovvisto di film americani - e gli americani sono ancora i campioni del mondo, è bastato il primo Instagram del prossimo Quentin Tarantino, con Leonardo DiCaprio in dolcevita senape, per farci sognare ("Once Upon a Time in Hollywood" uscirà ad agosto 2019). C’erano invece molti film che per capirci chiameremo film "d’arte e cultura": lenti, punitivi, poco interessati al pubblico e molto alla critica. Per capirci ancora meglio. Film come "Mrs Fang" di Wang Bing, vincitore del Pardo d’oro 2017, l’agonia di una vecchietta cinese con l’Alzheimer.
Carlo Chatrian al Locarno Festival ha battuto questo terreno, minoritario e nostalgico dei cineclub (vecchio anche se non fosse arrivato Netflix a sparigliare le carte). Salvo poi omaggiare i musical di Vincente Minnelli, che quando uscirono non erano certo materia da festival. Una schizofrenia che sarebbe ora di sanare.
Per esempio, imparando dalla Mostra di Venezia diretta da Alberto Barbera. Negli ultimi anni, anche grazie alla sua collocazione settembrina, ha lanciato film di grande qualità e insieme di grande richiamo (oltre a un’ipoteca sugli Oscar). Per esempio, "La La Land" di Damien Chazelle. O "Birdman" di Alejandro González Iñárritu. Solo l’anno scorso, c’erano "La forma dell’acqua" di Guillermo Del Toro, e "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" di Martin McDonagh.
Volendo scommettere, alla Berlinale di Chatrian (festival che ha in comune con Locarno un pubblico vero, non solo di addetti ai lavori) resteranno i film punitivi, molti tedeschi, si spera qualche indipendente americano in più. Il Locarno Festival, forte di un nuovo direttore non cresciuto nei cineclub-con-dibattito, potrebbe aggiornare l’orologio al 2019.
01.07.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00