function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Dal Vallese a Zurigo organizzazioni turistiche diverse
Immagini articolo
La situazione degli Enti
in alcuni cantoni è confusa
ANDREA STERN


Il peggior esempio di impiego di risorse in ambito di promozione turistica è probabilmente quello del Vallese. "Lì c’è una marea di enti turistici - osserva Tiziano Pelli, responsabile della gestione dell’Associazione svizzera dei manager del turismo -. In Vallese non si sa nemmeno bene con esattezza quante siano le organizzazioni che si occupano di promuovere il territorio". Colpa di un regolamento che risale alla notte dei tempi. "Ogni Comune può fare un po’ ciò che vuole - spiega Pelli - e non si è mai veramente voluto togliere loro questo privilegio".
Così, oltre all’ente cantonale vallesano, tante organizzazioni più o meno grandi cercano di attirare turisti, a volte affiancandosi nello sforzo, a volte pestandosi i piedi. Uno spreco di risorse. Esattamente come accadeva in Ticino fino al 1970, l’anno della prima rivoluzione turistica. Allora vennero creati un ente turistico cantonale e quindici enti enti turistici locali, che andavano a sostituirsi alle tantissime pro loco disseminate sul territorio. Poi, nel 2015, l’ente turistico cantonale fu trasformato in una società anonima e le organizzazioni turistiche ridotte a quattro. Una per ogni regione. "Nel panorama nazionale - osserva Pelli - il sistema adottato dal Ticino ha il grande merito di essere chiaro. A mio parere è sicuramente uno dei sistemi migliori".
Di sistemi ce ne sono parecchi. San Gallo, ad esempio, non ha un ente turistico cantonale. La promozione del territorio è suddivisa tra quattro enti regionali, la cui area di competenza a volte travalica i confini cantonali. È il caso di Rapperswil Zürichsee Tourismus, che vanta le bellezze della cittadina sangallese ma anche delle zone limitrofe situate nei cantoni di Svitto e Zurigo. O anche di Heidiland Tourismus, società anonima con sede a Bad Ragaz. Un ente che, come la mitica figura letteraria da cui prende il nome, si muove a cavallo tra i cantoni di San Gallo e Grigioni.
Ci sono poi enti turistici la cui area di competenza si estende su diversi cantoni. È il caso in particolare di Luzern Tourismus, una società anonima che promuove oltre a Lucerna anche l’intera area del Lago dei Quattro Cantoni. Su su fino al San Gottardo. Non per niente tra i 35 azionisti di Luzern Tourismus figura anche l’imprenditore egiziano Samih Sawiris, artefice della trasformazione della stazione alpina urana di Andermatt. E tra gli azionisti non ci sono solo operatori turistici, bensì anche aziende come il birrificio Eichhof, il produttore di gioielli e orologi Cartier e la catena di grandi magazzini Manor. Tutti, evidentemente, interessati al rilancio del turismo in Svizzera centrale.
E infine, la situazione di Zurigo, un altro cantone dove non esiste un ente del turismo cantonale. In questo caso il motivo è da ricercare nella potenza dell’ente turistico cittadino, che ha esteso la sua competenza anche alle aree limitrofe, fino a ricoprire la quasi totalità del territorio cantonale. Non tutto però. E così ci sono regioni che si sono create un piccolo ente regionale autonomo, come il Zürioberland Tourismus, che promuove appunto l’Oberland zurighese. E pure comuni che sono andati a bussare alla porta dei vicini, ovvero del già citato Rapperswil Zürichsee Tourismus.
a.s.
17.10.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00