function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il nuovo corso avvicina università e professioni
Immagini articolo
Comincia un'avventura
che diventerà collettiva
BOAS EREZ, RETTORE DELL'USI


Domani comincia un nuovo anno accademico e per la nostra Università l’appuntamento è particolarmente speciale. Non solo perché accoglieremo di nuovo sui nostri campus studentesse e studenti, dopo un semestre quasi tutto online, ma perché prende il via uno dei progetti accademici più attesi e importanti per l’Usi e per tutta la Svizzera italiana: il Master in medicina umana. Chi l’avrebbe mai detto al momento della creazione dell’Università, che si sarebbe potuto studiare medicina in Ticino?
Ma di che cosa si tratta? Il Master consiste in tre anni di formazione, che preparano studentesse e studenti all’esame federale condizione per l’esercizio della medicina in Svizzera. Ma il nostro Master è speciale. I nostri studenti imparano ad applicare le nozioni apprese, e sopratutto ad accogliere i pazienti e a lavorare in squadra. In altre parole, si preparano a esercitare una medicina umana! Lo faranno seguendo un programma rigoroso e innovativo basato su un modello formativo, che a tendere sarà adottato in tutta la Svizzera, ma che per il momento siamo gli unici a offrire. Valore aggiunto per gli studenti sarà la possibilità di un dialogo continuo con i professori, grazie alla favorevole proporzione studenti-docenti. Nei vari moduli formativi la ricerca è costantemente integrata, coinvolgendo in particolare gli istituti di ricerca affiliati all’Usi, l’Irb e lo Ior.
Quest’anno cominciano il Master una cinquantina di studentesse e studenti, provenienti principalmente dalle università partner Eth Zürich e Università di Basilea. Ogni settimana saranno 8 le ore di teoria, 2 i giorni dedicati alla formazione al letto del paziente, e 4 le ore di discussione di casi clinici e di esercizi pratici. Infine, 2 mezze giornate saranno dedicate allo studio individuale.
Ma, al di là dei numeri, questo Master in qualche modo racchiude e ben esprime le tre parole chiave che guidano l’azione della nostra Università: consolidamento, coesione e servizio.
Consolidamento e coesione: il Master in medicina umana è il frutto e l’espressione di un lavoro in rete, sia a livello nazionale che cantonale. Sul territorio, la collaborazione coinvolge l’Eoc, cliniche private, i medici di famiglia e altri partner ancora. L’estensione della nostra offerta formativa alla medicina contribuisce a sottolineare come l’Usi rientri a pieno titolo nel sistema accademico svizzero, uno dei migliori al mondo. Grazie alla nostra quinta Facoltà abbiamo raggruppato attività di grande valore scientifico già presenti in Ticino che potranno crescere in modo sempre più coordinato e strategico. Vorrei rimarcare, che il Master è sì un elemento portante della Facoltà di scienze biomediche, ma la Facoltà va oltre ad esso: un Master avrebbe potuto essere offerto anche senza Facoltà. La scelta è stata invece di investire in una piattaforma strutturata, con l’obiettivo di consolidare e sviluppare un settore importante per la crescita della nostra regione.
E arriviamo così all’ultima parola chiave: servizio. Con il Master in medicina umana contribuiremo allo sforzo di formare più medici e di elevare la già buona qualità delle cure in Ticino. Potremo inoltre rafforzare i legami con il settore farmaceutico e in generale, fare rete per il benessere, la crescita e l’innovazione del Ticino.Insomma, una bella avventura collettiva!
12.09.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00